Argentina: quasi 6 milioni di bambini e adolescenti vivono in povertà Lo studio realizzato dal Centro di Ricerca Partecipativa in Politica Economica e Sociale (Cippes)

302

La crisi economiche che attanaglia da anni l’Argentina – il più esteso paese di lingua spagnola nel mondo e il secondo del Sud America dopo il Brasile – continua a colpire in maniera drammatica la popolazione, oltre 43 milioni di abitanti.

Lo studio del Cippes

A farne le spese, sono soprattutto i bambini. Da uno studio realizzato dal Centro di Ricerca Partecipativa in Politica Economica e Sociale (Cippes) riportato da Fides, emerge che la metà dei bambini e degli adolescenti argentini vivono al di sotto della soglia di povertà. Nello specifico, 46 bambini su 100 nella fascia di età tra 0 e 17 anni sono poveri. In totale, si tratta di quasi sei milioni sui 13 milioni e mezzo di bambini e adolescenti presenti nel Paese sudamericano. Inoltre, conclude il rapporto del Cippes, il 10,07% dei minori in Argentina vive in uno stato di indigenza.

Bariloche, la cittadina in mano ai Narcos

Paricolarmente drammatica la situazione a Bariloche, cittadina nella Patagonia nord-occidentale ai piedi delle Ande. Secondo un rapporto prodotto dal Movimento per l’Infanzia di Bariloche e riportato sul sito di informazione delle Pontificie Opere Missionarie, emerge che quasi il 40% degli adolescenti abbandona la scuola media prima di terminarla e che dei quasi mille bambini che nascono ogni anno, 600 avranno problemi di casa, oltre che sociali o economici. Nella città vivono oltre 12 mila bambini, bambine e adolescenti al di sotto della soglia di povertà: di questi, 4 mila sono indigenti. Molti ragazzi, denuncia il Movimento, a cauda della povertà estrema in cui sono costretti a vivere, vengono reclutati dai cartelli dei narcotrafficanti, andando incontro a una morte prematura.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS