Moglie installa timbratrice in casa per scoraggiare i ritardi del marito

905
marito

Timbrare il cartellino è una cosa che si fa al lavoro, e non quando entra o esce di casa. Nel modo sono migliaia le donne che iniziano a chiamare il marito ogni cinque minuti se non arriva subito a casa dopo il lavoro. Spesso si tratta di casi di gelosia, ma in Cina una signora è andata oltre: ha installato una timbratrice (come quelle che si trovano negli uffici) proprio all’ingresso della sua abitazione. Il povero marito deve timbrare ogni volta che rientra, in modo da potersi assicurare che non torni dopo le 9 di sera.

Troppo tempo a lavoro

Ma in questo caso la ragione dei ritardi non nasce nel desiderio di fermarsi a bere una birra con gli amici o i colleghi dopo essere uscito dal lavoro, bensì i lunghi straordinari che l’uomo uno sviluppatore, si trova ad affrontare ogni sera. La moglie, stanca di non poter mai passare del tempo con suo marito, ha deciso di applicare questa insolita apparecchiatura tecnologica. A seconda degli orari che l’uomo è in grado di rispettare, può “vincere” una cena con la moglie (senza dover lavare i piatti, oppure essere punito con multe di 100 yuan (circa 15 €). E se il ritardo è tanto, gli può anche capitare l’obbligo di sbrigare tutte le faccende di casa nel week-end.

Social divisi

“Se le timbratrici possono gestire le ore di lavoro di mio marito, allora lo faranno anche per le ore a casa”, avrebbe raccontato la donna ad un’amica, che avrebbe poi reso noto l’accaduto sui social network. Le reazioni, da parte degli utenti del web, sono state contrastanti: c’è chi inorridisce di fronte a quello che qualcuno considera una violenza da parte della moglie, ma c’è anche chi apprezza l’idea. Tuttavia, non si conosce la reazione dell’uomo all’idea della moglie. Al momento non ci è dato di sapere se il marito abbia accettato il gioco o semplicemente subito la decisione della moglie.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS