Canone tv in bolletta, Orlandi: “Abbonamenti Rai aumentati di 5,5 milioni in un anno” A dirlo il direttore dell'Agenzia delle Entrate in audizione alla commissione di vigilanza sull'Anagrafe tributaria

274
tv

Con la riscossione del canone tv in bolletta, gli abbonamenti alla Rai sono aumentati di 5,5 milioni in un anno.

Entrati oltre 2 miliardi di euro

Grazie alla nuova procedura entrata in vigore da luglio 2016 che conteggia a rate il canone annuo nelle bollette per l’energia elettrica a quanti abbiano una apparecchio televisivo in casa, gli abbonati sono passati dai 16,5 milioni del 2015 ai 22 milioni del 2016.

A dirlo in audizione alla commissione di vigilanza sull’Anagrafe tributaria, il direttore dell’Agenzia delle Entrate Rossella Orlandi. Secondo i conteggi effettuati dall’Agenzia delle Entrate, ha inoltre aggiunto Orlandi, l’importo del canone Tv ad uso privato complessivamente addebitabile nelle fatture per energia elettrica per il 2016 è stato pari a circa 2.272 milioni di euro.

Una app per le dichiarazioni dei redditi

“Passare la dichiarazione dal sistema nostro ad una app non è un problema purché sia garantita”. E’ l’eventualità presentata ieri dal direttore generale dell’agenzia delle Entrate a margine del convegno milanese “Le leve fiscali per lo sviluppo delle imprese: l’esempio del patent box”.

Il problema” circa l’ipotesi di una App per la dichiarazione dei redditi, ha aggiunto, “è creare il prodotto e il processo. Bisogna fare in modo che sia una dichiarazione attendibile e che funzioni. L’idea nostra è quella di rendere la dichiarazione sempre più compilata con una serie di informazioni e di estenderlo a tutti i modelli di dichiarazione. Quindi estendere il più possibile il campo”.

“Questo – ha concluso Orlandi – richiede uno sviluppo della tecnologia e su questo siamo già assolutamente tranquilli e la acquisizione corretta dei dati”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS