Onu, Nigeria: “In 3 anni Boko Haram ha ucciso oltre 4 mila bambini” Lo rivela il "primo studio del segretario generale delle Nazioni Unite sui bambini e i conflitti armati 2013-2016"

203

Dal 2014, oltre 7000 bambini sono stati sequestrati, abusati, obbligati a sposarsi e a convertirsi all’Islam dalla furia islamista di Boko Haram, gruppo terrorista attivo nella zona nord orientale della Nigeria. Circa 3,900 minori sotto i 18 anni sono stati uccisi.

Lo studio delle Nazioni Unite

Lo rivela il “primo studio del segretario generale delle Nazioni Unite sui bambini e i conflitti armati 2013-2016” in cui si dimostra come migliaia di minori siano stati utilizzati dai radicalizzati islamici per attentati suicida e continuino a soffrire crudeltà per mano del gruppo terrorista, il cui nome, tradotto, significa: “L’educazione occidentale è peccato”.

In tre anni – rivela lo studio – sono stati reclutati migliaia di minori e bambini. Gli attacchi contro le comunità e gli scontri contro gli agenti della sicurezza hanno lasciato mutilati 7300 minori. Nel rapporto delle Nazioni Unite risaltano anche gli attentati suicida come seconda causa di morte tra i piccoli.

Le terribili testimonianze

Da alcune testimonianze dei minori liberati dalle grinfie dei terroristi, emerge che la maggior parte di loro sono stati sequestrati dalle famiglie di origine; altri, invece, si sono arruolati “spontaneamente” per motivi economici o per pressioni familiari. In alcuni casi, infatti, sono stati gli stessi genitori a consegnare i propri figli ai terroristi per ricevere protezione o vantaggi economici.

Obiettivi principali: le scuole

Secondo l’Onu, le scuole sono gli obiettivi principali degli attacchi terroristici: dal 2014, almeno 1500 edifici scolastici sono stati distrutti e sono state registrate 1280 vittime tra studenti e professori. Una ecatombe che ancora non si è conclusa.

Le ragazze rapite

Il mese scorso sono stati tre anni da quando i militanti di Boko Haram durante un’imboscata nella piccola città nigeriana di Chibok nel bel mezzo della notte hanno rapito 276 studentesse per poi sparire nella foresta.

#bringbackourgirls

Quasi 200 ragazze non sono ancora state rilasciate e non si sa che fine abbiano fatto, nonostante una massiccia campagna sul social media che ha spinto milioni di persone, tra cui diverse celebrità e l’ex first lady Michelle Obama, a porre attenzione alla vicenda utilizzando l’hastag #bringbackourgirls.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS