Usa, allerta per fungo letale negli ospedali: 44 casi a New York, 17 morti Gli esperti: "Minaccia globale per la salute. A rischio soprattutto anziani e neonati"

289
candida auris

E’ allarme rosso negli ospedali newyorkesi ed allerta in tutti i nosocomi degli Stati Uniti. Infatti un super fungo potenzialmente letale si sta diffondendo nel Paese e alcuni casi si sono già registrati nella Grande Mela.

La Candida Auris

Il fungo in questione, definito dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie degli Stati Uniti “una minaccia globale per la salute, è la Candida auris, un micete lievitiforme isolato per la prima volta nel 2009 nel canale uditivo di un 70enne giapponese ricoverato all’Ospedale geriatrico di Tokyo. Successivamente il super-fungo è “migrato” in diversi Paesi, tra cui Stati Uniti e Gran Bretagna. Il primo caso di contagio in Europa è avvenuto a Londra, in un ospedale cardiologico: tra aprile 2015 e luglio 2016 ci sono stati 50 casi.

La situazione a New York

Negli ospedali della Grande Mela sono stati segnalati di recente 44 casi di infezione resistente ai medicinali disponibili e 17 morti. Tutte le infezioni sono state trasmesse in cliniche o uffici e centri medici. Il primo caso negli Usa fu segnalato nel 2013, ma la diffusione della Candida auris è iniziata lo scorso anno.

I sintomi

Sensazioni di bruciore, difficoltà a deglutire. Sono questi alcuni dei sintomi che hanno segnalato i pazienti colpiti dal contagio. Secondo i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, il super-fungo agisce come un super-batterio, non risponde agli anti-funghicidi ed è difficile da diagnosticare con i test di laboratorio. La Candida auris colpisce in particolare i più deboli, neonati ed anziani, ed è stato identificato sia sulle attrezzature degli ospedali, sia sulla pelle di alcuni pazienti che erano già stati trattati con i medicinali.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS