La vita di Eduardo De Filippo diventa una fiction Martone dirigerà la serie. Regista debutta in tv per progetto Publispei

249
de filippo

Il ritratto dell’uomo che ha portato il teatro italiano nel mondo, le sue origini, i suoi rapporti familiari, che rappresenta anche il quadro storico di un’epoca. A trent’anni dalla scomparsa di Eduardo De Filippo, la sua vita diventa una fiction. Alla regia Mario Martone, per la prima volta alle prese con una serie televisiva che è un progetto internazionale. La società di produzione Publispei, protagonista dell’audiovisivo italiano, sta preparando una nuova pellicola sul maestro del teatro italiano, protagonista del ‘900 europeo. Ispirata al libro di Maurizio Giammusso “Vita di Eduardo”, la serie segue l’artista attraverso gli anni del fascismo, la guerra e il dopoguerra, incrociando di continuo vita pubblica e vita privata, e componendo un grande affresco, ove trovano spazio tutti gli elementi: i matrimoni e i figli, il cinema i successi internazionali, la nomina a senatore a vita e tanto altro ancora.

Una fiction in Rai

Ma un secondo progetto, sempre su Eduardo, è in lavorazione da un anno e mezzo con la ditta Agostino Saccà e la sua Pepito Produzioni e la regia e la sceneggiatura di Sergio Rubini. A rivelarlo è lo stesso Saccà: “Da un anno e mezzo stiamo lavorando a questa serie. Abbiamo già presentato alla Rai un soggetto di serie, quelli delle 8 puntate e un trattamento del primo episodio della prima puntata. Inoltre – prosegue – all’ultimo mercato di Cannes abbiamo avuto modo di presentare su questo progetto su Eduardo un trailer di 4 minuti, già visionato dalla Rai, a possibili partner internazionali che si sono mostrati interessati al progetto”.

La nuova sfida di Martone

Per Martone si tratta di una nuova sfida: sarà infatti la prima volta in cui si cimenterà alla regia di una serie televisiva. Dopo le sue numerose esperienze al cinema e a teatro, regista di pellicole pluripremiate come “Il Giovane Favoloso”, “L’Amore Molesto”, “Morte di un matematico napoletano” e più recentemente, a teatro, di un classico di Eduardo De Filippo come “Il sindaco del rione sanità”, Martone ha elaborato con Ippolita di Majo un soggetto che affronta una stagione irripetibile della scena della cultura europea, quella della Napoli del primo Novecento, in cui spiccavano il padre naturale Eduardo Scarpetta e la sua leggendaria famiglia di geni teatrali, a cominciare dai figli Eduardo, Peppino e Titina De Filippo, e il loro “fratello in arte”, il principe Antonio De Curtis, Totò. Il difficile passaggio attraverso gli anni del fascismo, della guerra e del dopoguerra, che sono anche quelli in cui vedono la luce le sue opere più celebri, quali “Natale in casa Cupiello”, “Napoli milionaria!”, “Questi fantasmi!”o “Filumena Marturano”, fino alle incursioni tutt’altro che sporadiche nel cinema e nella televisione, che faranno di Eduardo una figura di tale rilievo nella cultura e nella società italiana da meritare la nomina a senatore a vita.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS