Parigi, l’Isis rivendica la sparatoria sugli Champs Elysees Morti un agente e un aggressore. Ferito un altro poliziotto

675
parigi

Sparatoria in serata nel cuore di Parigi, sugli Champs Elysees, il lungo viale che attraversa il cuore della capitale francese dall’Arco di Trionfo a place de la Concorde. I media locali riferiscono che un agente di polizia è morto ed un altro è stato gravemente ferito. Il killer è stato ucciso ma non è chiaro, se come riferito dal quotidiano Le Figaro, sarebbe in corso la caccia ad un secondo possibile aggressore degli agenti di polizia che, secondo alcune agenzie, si sarebbe rifugiato in un garage. Anche la rete Bfmtv sostiene che testimoni riferiscono di due aggressori. L’Isis ha rivendicato l’attacco poche ore dopo. Prima della rivendicazione, il presidente francese, Francois Hollande, aveva dichiarato. “E’ terrorismo”.

I colpi davanti al grande magazzino

Le immagini trasmesse dalle reti televisive mostrano gli Champs Elysees presidiati da decine di veicoli della polizia. Sul posto, sempre secondo la rete Bfmtv, sono intervenuti i corpi speciali della polizia Bis. I colpi sono stati sparati intorno alle 21 al numero 104 degli Champs Elysees, davanti alla sede del grande magazzino ‘Marks & Spencer’. L’aggressore ucciso avrebbe usato un fucile automatico AK-47 Kalashnikov. I media riferiscono che l’assassino sarebbe stato noto agli 007 francesi. Le stazioni della metro George V, Franklin Roosevelt e Champs Elysees-Clemencedau sono state chiuse per ragioni di sicurezza. La prefettura di Parigi ha invitato la gente ad evitare la zona ed ha evacuato l’area.

Il precedente

In Francia tra 3 giorni si svolge il primo turno delle elezioni presidenziali. Inevitabile ripensare a quanto accadde il 13 novembre 2015 quando Parigi fu teatro del più sanguinoso attentato della storia francese: un commando di Isis massacrò 130 persone colpendo in modo coordinato diversi punti della città, dallo Stade de France al locale Bataclan.

Il commento di Trump

“Sembra un attentato terroristico. E’ una scia senza fine. Dobbiamo essere forti”. Cosi’ il presidente americano Donald Trump ha commentato l’attacco sugli Champs Elysees durante la conferenza stampa congiunta con il premier italiano Paolo Gentiloni.

In aggiornamento…

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS