Caccia al killer di Budrio, i militari: “Trovate tracce in un casolare”. Sentita una donna Domani a Molinella il ministro dell’Interno Minniti per incontrare i familiari delle vittime e incontrarsi col generale dei carabinieri

207

Si stringe il cerchio intorno a Norbert Feher, alias Igor Vaclavic. Un gruppo scelto di carabinieri e di militari dei reparti speciali, armi in pugno e giubbotti antiproiettile, hanno accerchiato ieri pomeriggio un casolare. Dopo aver fatto irruzione all’interno dell’edificio, i militari hanno trovato tracce fresche del recente passaggio del ricercato serbo.

Il blitz

Gli inquilini si sono visti i militari piombare in casa e sfondare tutte le porte. I cani hanno rinvenuto l’odore del fuggiasco in un appartamento a piano terra dove abita un uomo, forse straniero, che da qualche giorno è ricoverato in ospedale. I cani molecolari si sono poi messi a seguire delle tracce puntando verso la campagna e il vicino torrente. Il killer ha probabilmente ripreso la strada verso paludi e acquitrini dell’oasi di Marmorta, zona che conosce così a fondo da riuscire a nascondervisi da quasi due settimane.

La donna del mistero

Gli investigatori hanno sentito a lungo la proprietaria dei due piccoli appartamenti: si tratterebbe di una romena su cui ora gli inquirenti stanno svolgendo tutti gli approfondimenti del caso.

Minniti domani a Molinella

Domani arriverà a Molinella il ministro dell’Interno Marco Minniti per incontrare i familiari di Davide Fabbri e Valerio Verri, le due vittime del duplice omicida. Ci sarà anche il generale dei carabinieri Tullio Del Sette per fare con il ministro il punto della situazione sulle ricerche. “Speravamo in una cattura in tempi più brevi — ha detto ieri il sindaco di Budrio Giulio Pierini —. Comunque c’è un grande sforzo in questo momento”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS