Sportello delle Acli per le vittime di stalking e violenza

636
donna

Lo “Sportello di orientamento e accoglienza per le vittime di violenza e stalking” e il “Progetto Fiore di Loto” sono stati presentati presso la parrocchia di Santa Maria ai Monti a Roma. Si tratta di due iniziative realizzate dalle Acli di Roma e provincia e da “Libera Mondo“, associazione a tutela dei diritti delle persone. L’obiettivo è quello di contrastare la violenza fisica, sessuale, psicologica e stalking sulle donne, sui bambini e sulle persone tutte offrendo un sostegno concreto.

Lo sportello antiviolenza, con il “Progetto Fiore di Loto”, interviene infatti attivamente per sostenere gratuitamente e nella massima riservatezza le vittime di violenza. Il progetto prevede attività di sensibilizzazione e prevenzione, ascolto, consulenza psicologica, sociale, legale e percorsi di autodifesa. Accompagna le vittime di maltrattamenti nel percorso individuale per uscire dalla criticità, favorendo la rinascita personale e sociale. Il servizio sarà disponibile ogni martedì e venerdì dalle ore 15.30 alle ore 19.30 presso i locali della parrocchia di Santa Maria ai Monti.

“Apriamo questo presidio – ha detto Lidia Borzì, presidente delle Acli di Roma e provincia in occasione della presentazione – per sostenere chiunque sia vittima di violenza, attivando un servizio aperto a tutti e che vuole essere anonimo e discreto. Lo facciamo in una parrocchia perché rappresenta un vero punto di prossimità con la popolazione, anche se vogliamo fornire un servizio laico, aperto a tutti, e che punti a ridare dignità alle persone offese sia dal punto di vista fisico che psicologico. Diamo vita a questa idea con lo stile solito delle Acli di Roma, facendo rete con le istituzioni e le associazioni che operano in questo campo e coniugando il pensiero, come percorsi di prevenzione, a gesti concreti, come l’insegnamento della difesa personale attraverso l’Unione Sportiva delle Acli di Roma”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS