SANTO DEL GIORNO SANTA MARIA EGIZIACA

14985
Santa_Maria_EgiziacaSanta Maria Egiziaca, monaca ed eremita egiziana, venerata come santa dalla Chiesa cattolica, da quella ortodossa e da quella copta. Sebbene il racconto della sua vita, così come ci è stato tramandato da Sofronio, vescovo di Gerusalemme, sia costituito quasi esclusivamente da elementi di dubbio valore storiografico, esso si basa tuttavia su un nucleo storico, consistente nella presenza nell’entroterra palestinese della tomba di una santa eremita di nome Maria, presente fin dal V secolo.
Famosa peccatrice di Alessandria, per intercessione della beata Vergine nella Città Santa si convertì a Dio e condusse in solitudine al di là del Giordano una vita di penitenza. Il racconto della sua vita confina spesso con la leggenda. Di sicuro era nata nel IV secolo ad Alessandria d’Egitto e si guadagnava da vivere facendo la prostituta. Fuggita da casa a 12 anni, a 29 si imbarcò su una nave di pellegrini diretta in Terra Santa. Arrivata a Gerusalemme, volle partecipare alla festa dell’Esaltazione della croce al Santo Sepolcro. Prima di entrare però fu come trattenuta da una forza invisibile mentre una voce dentro di lei diceva: “Tu non sei degna di vedere la croce di colui che è morto per te tra dolori inenarrabili”. Convertitasi, andò a vivere solitaria nel deserto oltre il Giordano dove restò per 47 anni. Là fu trovata dal monaco Zosimo che le porse la santa Comunione, promettendole di tornare l’anno successivo. Quando fece ritorno la trovò però morta. Era probabilmente il 430 d.C. Secondo la tradizione la tomba sarebbe stata scavata da Zosimo aiutato da un leone, con i suoi artigli.
Nell’iconografia è raffigurata come penitente presso una grotta con i capelli lunghi che le coprono il corpo, con i tre pani che si portò nel deserto e a volte con accanto il leone che aiutò Zosimo a seppellirla. È diffusa anche l’immagine della Santa mentre riceve l’Eucaristia portata da Zosimo o dagli angeli.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS