Inps: in Italia 18 milioni di pensioni, la maggior parte sotto i 750 euro Lo rileva l'apposito osservatorio dell'istituto di previdenza sociale. Quattordici milioni sono di natura previdenziale

92
pensioni

All’1 gennaio 2017 in Italia venivano erogate oltre 18 milioni di pensioni, di cui 14 milioni di natura previdenziale, cioè prestazioni che hanno avuto origine dal versamento di contributi durante l’attività lavorativa; le rimanenti sono di natura assistenziale, cioè erogate per sostenere una situazione di invalidità congiunta o meno a situazione di reddito basso. Lo sostiene l’Inps nell’ultimo osservatorio sulle pensioni.

L’importo complessivo annuo risulta pari a 197,4 miliardi di euro di cui 176,8 miliardi sostenuti dalle gestioni previdenziali. Oltre la metà è in carico alle gestioni dei dipendenti privati delle quali quella di maggior rilievo (95,7%) è il Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti che gestisce il 48,6% del complesso delle pensioni erogate e il 61,4% degli importi in pagamento. Le gestioni dei lavoratori autonomi elargiscono il 27,3% delle pensioni per un importo in pagamento del 23,7% mentre le gestioni assistenziali erogano il 21,7% delle prestazioni con un importo in pagamento di poco superiore al 10% del totale.

Analizzando la distribuzione per classi di importo mensile delle pensioni si osserva una forte concentrazione nelle classi basse. Infatti il 63,1% delle pensioni ha un importo inferiore a 750,00 euro. Questa percentuale, che per le donne raggiunge il al 76,5% – avverte però l’Inps – costituisce solo una misura indicativa della “povertà”, per il fatto che molti cittadini sono titolari di più prestazioni pensionistiche o comunque di altri redditi.

L’Italia settentrionale usufruisce del maggior numero di prestazioni pensionistiche; infatti il 48,0% delle pensioni viene percepito da soggetti residenti in questa zona, il 19,2% viene erogato al Centro, mentre il 30,6% in Italia meridionale e isole; il restante 2,2% (401.570 pensioni) viene erogato a soggetti residenti all’estero. Calcolando il coefficiente di pensionamento grezzo (rapporto tra il numero di pensioni e la popolazione residente4 per mille) di ciascuna area geografica, si osserva che il Nord continua ad essere l’area con il maggior numero di pensioni per mille residenti (312 per mille), seguita dal Centro con il 287 per mille e dal Mezzogiorno con il 265 per mille.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS