“I Fori dopo i Fori”. In mostra la vita quotidiana nell’area dei Fori Imperiali dopo l’Antichità Dal 30 Marzo 2017 al 10 Settembre 2017 presso i Mercati di Traiano (RM)

190
Fori imperiali

Inizia oggi la mostra “I Fori dopo i Fori. La vita quotidiana nell’area dei Fori Imperiali dopo l’Antichità”. La mostra si propone di illustrare le vicende dell’area archeologica dei Fori Imperiali, nel periodo medievale e moderno, attraverso l’esposizione di reperti rinvenuti durante gli scavi dell’ultimo ventennio e normalmente confinati all’interno dei depositi del Museo dei Fori Imperiali. Si tratta di oggetti che hanno accompagnato gli abitanti del quartiere sorto sui Fori o che sono stati da loro prodotti.

Le scoperte effettuate – si legge nel comunicato stampa – permettono di imbastire un racconto che spiega il divenire della Città durante uno dei suoi periodi più densi di quegli eventi che ne hanno plasmato l’immagine sino a farne quella in cui viviamo. La mostra “I Fori dopo i Fori” vuole dipanare questo racconto attraverso una scelta di reperti, tra le migliaia rinvenuti proprio grazie agli scavi e perlopiù mai messi in mostra, che saranno “spiegati” al pubblico allo scopo di far conoscere le vicende dei luoghi e delle persone che hanno fatto la storia di quest’area centrale di Roma.

I Fori Imperiali costituiscono una serie di piazze monumentali edificate nel corso di un secolo e mezzo (tra il 46 a.C. e il 113 d.C.) nel cuore della città di Roma da parte degli imperatori. I Mercati di Traiano costituiscono un esteso complesso di edifici di epoca romana che, dal 2007, ospitano il “Museo dei Fori Imperiali”.

“I Fori dopo i Fori”. Dal 30 Marzo 2017 al 10 Settembre 2017 presso i Mercati di Traiano (RM). Enti promotori: Roma Capitale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. Assessorato alla Crescita culturale.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS