Monza: in mostra le opere di Giacinto Cerone, il “trauma” della scultura "Giacinto Cerone. Una nota che non c’è", dal 27 Marzo 2017 al 12 Maggio 2017, presso Montrasio Arte (MB)

319

Si inaugura oggi a Montrasio Arte (a Monza) la mostra personale “Giacinto Cerone. Una nota che non c’è”, a cura di Marco Tonelli. Giacinto Cerone nasce a Melfi nel 1957 e muore prematuramente a Roma nel 2004. Le sue opere sono presenti in numerose collezioni pubbliche: Galleria d’Arte Moderna Aroldo Bonzagni, Cento; Banca Nazionale del Lavoro, Roma; Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma; Galleria d’Arte Moderna, Torino; Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza; Inpdap sede di Bruxelles; Unicredit, Torino; Musma, Matera e al Macro, Roma.

In mostra una selezione di sculture in ceramica realizzate da Cerone dalla fine degli anni Novanta sino all’anno della sua prematura scomparsa. Il percorso espositivo si snoda attraverso una ventina di opere, tra le altre la serie dedicata ai fiumi del Vietnam. Un nucleo di fotografie e video corredano la mostra.

I lavori di Giacinto – si legge nel comunicato stampa – portano i segni di un’inquietudine profonda. Cerone aggredisce la materia, con gesti rapidi e incisivi. Tagli, torsioni, lacerazioni diventano la sintesi formale della prorompente composizione plastica dello scultore. Seppure Cerone abbia utilizzato in modo profondo e appassionato diversi materiali (legno, metallo, gesso, plexiglas, vetroresina, moplen, ceramica, marmo, pietra), è ovviamente la ceramica (e in buona parte il gesso) quello che ci trasmette in modo forse più diretto e letterale l’impronta della sua fisicità e della sua gestualità: il nucleo materico di partenza è infatti in questo caso una massa morbida, imprimibile e malleabile di creta che l’artista piegava direttamente con le mani, bucava con le dita, graffiava con le unghie, violentava con i gomiti, rompeva con i pugni o con i piedi, prendeva a bastonate.

I blocchi geometrici e, appunto, vuoti, di terra cruda, che gli venivano preparati a partire dal 1993 e fino sua alla morte da Davide Servadei presso la Bottega Gatti di Faenza (nel 1991 Cerone aveva già realizzato numerose ceramiche ad Albisola presso le Ceramiche San Giorgio con Salino e Poggi e poche altre nel 1987), li sottoponeva a torsioni, rotture, squarci, fino a batterli violentemente con un tubo se il suo corpo non riusciva a farli esplodere di rabbia e disperazione, estasi e vita.

Il modo di lavorare l’argilla per Cerone è stato sintomatico nel senso del sintomo in psicanalisi, secondo cioè rimossi e ritorni, sepolture ed emersioni in cui eventi dell’oggi risvegliano e risignificano traumi di ieri. Nel suo caso possiamo parlare non tanto né in modo autobiografico di scultura come trauma, ferita o lacerazione, ma del trauma della scultura, proiettando e trasformando nei processi stessi del farla (nel modo tipico di Cerone) qualsiasi originaria contesa con la materia o qualsivoglia attività esistenziale…

Un catalogo bilingue (italiano e inglese), edito da Silvana editoriale in collaborazione con l’Archivio Giacinto Cerone (Roma) e Montrasio Arte, accompagna l’esposizione. Un ampio apparato fotografico e documentario completa l’edizione. Dal 27 Marzo 2017 al 12 Maggio 2017, presso Montrasio Arte, Via Carlo Alberto 40, Monza (MB).

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS