De Rossi e Immobile mettono k.o. l’Albania, Azzurri verso la qualificazione al Mondiale A Palermo partita sospesa nel secondo tempo per per lancio di fumogeni

265
de rossi

L’Italia prosegue la sua corsa verso il Mondiale, e lo fa conquistando tre punti preziosi a Palermo contro l’Albania grazie alle reti di De Rossi (su rigore) e Immobile che decidono la partita del Barbera. Una serata disturbata dal comportamento degli ultras albanesi che con il loro lancio di fumogeni e petardi hanno costretto l’arbitro a interrompere la gara per 9 minuti.

Le formazioni

Ventura sceglie l’11 su cui ha lavorato a Coverciano confermando uomini e modulo. Davanti a capitan Buffon (millesima partita in carriera, la numero 168 in Nazionale per un nuovo record europeo) un 4-2-4 con Zappacosta, Barzagli, Bonucci e De Sciglio in difesa, Verratti e De Rossi a centrocampo, quindi un’altra linea a 4 con Candreva e Insigne esterni e la coppia Belotti-Immobile in mezzo. Carica a mille l’Albania che ha un buon approccio con il match e che De Biasi schiera con il 5-4-1, piazzando Kukeli tra Veseli e Ajeti al centro della difesa e affidando a Chikalleshi il ruolo di unica punta.

Il mathc

Ed è proprio Chikalleshi, al 2°, ad andare vicino al gol con un diagonale sinistro che sfiora il palo. Due minuti dopo ci prova Roshi e sono due campanelli d’allarme che mettono sull’attenti gli azzurri. Non c’è filtro a centrocampo e a sinistra le Aquile sfondano con facilità mettendo in difficolta’ Zappacosta. L’Italia cambia passo, il palleggio di Verratti permette ai padroni di casa di guadagnare campo e di far valere il maggior tasso tecnico. E’ anche fortunata la Nazionale di Ventura perchè all’11°, su una punizione di Verratti dalla trequarti, Basha si fa scappare Belotti e poi lo atterra in area. Nessun dubbio: per l’arbitro è rigore, per gli ultras albanesi e’ il momento di intensificare lancio di oggetti e fumogeni. Dopo l’intervento degli addetti al campo che liberano il terreno gioco, De Rossi può battere Strakosha dal dischetto per l’1-0 azzurro. Albania molto meno spavalda, anche se qualche spazio l’Italia continua a concederlo e Roshi prova a impensierire Buffon che blocca sicuro. Seconda parte della prima frazione di gioco in crescita per l’Italia che controlla, sfiora il raddoppio con De Rossi e impegna Strakosha con Belotti. Prima dell’intervallo, largo il destro a girare di Roshi.

Fumogeni in campo

Nella ripresa nessun cambio e partita che rimane sugli stessi binari. Pericoloso Immobile fermato dal difensore granata Ajeti anche con l’aiuto di un braccio (involontario), la partita scivola via senza emozioni, finche’ non si risvegliano gli ultras albanesi: ancora petardi e fumogeni in campo, qualcuno anche sulla gradinata inferiore con alcuni tifosi italiani costretti a lasciare il posto. L’arbitro non può fare altro che sospendere la partita. Si riprende nove minuti dopo, con tanto di appello del capitano Agolli e di mister De Biasi sotto il settore degli ultras albanesi. Albania stanca e senza idee, azzurri svegli e decisi a chiudere la partita. Ci prova prima Candreva su assist di Insigne (bravo Strakosha), ci riesce Immobile: perfetto il suo stacco, preciso il suo colpo di testa sul cross di Zappacosta e Italia sul 2-0. Match chiuso, vincono gli azzurri che tengono il passo della Spagna (vittoria su Israele) e continua la marcia verso Russia2018. Nazionale non esaltante, ma concreta, puo’ andar bene cosi’. Peccato per fumogeni e petardi, ma al Barbera è festa tricolore.

Ventura: “Un passo avanti verso la costruzione di qualcosa importante”

​”All’inizio c’era tanta voglia di fare e c’era molta attenzione, non c’era la fluidità necessaria. Il dato di fatto è che a parte quello iniziale non c’è stato più un tiro verso Buffon. Il secondo tempo è stato migliore sul piano della mentalità”. Così il ct della Nazionale azzurra commenta il match. “E’ stato un piccolo passo avanti e ci sono i presupposti perchè venga fuori qualcosa di importante. E’ un piccolo passo avanti verso la costruzione di qualcosa di assolutamente importante e lo dico dopo una partita non certo straordinaria. Stiamo iniziando un lavoro tutti insieme, questo è un gruppo vero. Ci sono molti giocatori giovani e nuovi, ma ci sono tutti i presupposti per fare bene. Chi non ha giocato oggi, giocherà domani”. Sulla prestazione di Verratti, afferma: “Ha fatto cose importanti e non ne avevo il minimo dubbio. Non mi sono stupito, sicuramente può dare continuità per tutti i novanta minuti ma tutti noi possiamo migliorare”.

De Rossi: “A Palermo segno sempre con la maglia azzurra”

“Una fortunata coincidenza, ogni volta che vengo a Palermo con la nazionale faccio gol, ne ho fatti 4 o 5, solo una volta mi sembra di non aver segnato. Oltre al gol, questa è una città che merita grande calcio e magari non lo riesce a trovare in questi momenti con la squadra del cuore ed è bello che lo trovi con la nazionale. Qui rispondono sempre presente, in altre parti c’è meno affetto, loro sono incredibili”. Così Daniele De Rossi commenta ai microfoni di Rai Sport il suo gol su rigore. Sulla sospensione della gara per via dei fumogeni, afferma: “Peccato per noi e per loro, il clima della gara è sempre stato corretto, ci hanno applaudito. Non so cosa abbia scaturito il lancio di fumogeni, fortunatamente si è concluso tutto nel migliore dei modi anche se è un po’ spiacevole anche per loro che non danno una bella immagine di un paese che è nostro amico. E’ finita nel migliore dei modi”. Sul suo futuro afferma: “È in Olanda e poi con l’Empoli, per adesso sono concentratissimo sulla prossima partita”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS