Milano, 30 disabili del Piccolo Cottolengo Don Orione assisteranno alla Messa celebrata dal Pontefice

301
  • Español
cottolengo

Ci saranno anche 30 disabili provenienti dal Piccolo Cottolengo Don Orione di Milano alla Messa che Papa Francesco celebrerà domani alle ore 15 nella zona dell’ex ippodromo di Monza.  Insieme a loro e agli accompagnatori, saranno presenti anche circa 200 persone provenienti dalla parrocchia di San Benedetto.

Il Piccolo Cottolengo di Don Orione

Fondato da Don Luigi Orione nel 1933 e benedetto dall’arcivescovo Ildefonso Schuster, il Piccolo Cottolengo Don Orione di Milano, una vera “cittadella della carità e della preghiera”, come lo definì il Cardinal Giovanni Battista Montini in occasione di una delle sue visite annuali, è un centro polivalente per anziani e disabili giovani e adulti che accoglie oltre 300 ospiti e al loro servizio c’è una comunità religiosa di sacerdoti e di suore e 300 collaboratori laici per l’accompagnamento e la cura delle persone.

Cento cresimandi a San Siro

L’Opera Don Orione parteciperà, inoltre, ad altri due momenti della visita del Santo Padre a Milano. Alle ore 10, i religiosi orionini saranno presenti in Duomo per l’incontro di Papa Francesco con i sacerdoti e i consacrati della diocesi di Milano. Alle ore 17.30, invece, circa 100 cresimandi della parrocchia di San Benedetto, accompagnati dai catechisti e dal viceparroco don Alessandro Digangi, parteciperanno all’evento nello stadio di San Siro. “La nostra congregazione – dichiara don Pierangelo Ondei, direttore del Piccolo Cottolengo Don Orione di Milano – come tutta la città di Milano è grata al Santo Padre per questa giornata speciale. Gli ospiti del nostro centro hanno voluto fortemente partecipare alla celebrazione che si terrà a Monza, un momento importante anche per ringraziare Papa Francesco dell’attenzione particolare che da sempre rivolge a chi soffre”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS