“I Paesi del sud spendono tutto in donne e alcol”, bufera su Dijsselbloem

729
paesi

“I Paesi del Nord Europa hanno dimostrato solidarietà con i Paesi colpiti dalla crisi dell’euro. Io come socialdemocratico do importanza alla solidarietà, ma non possono spendere tutti i soldi in liquori e donne e poi chiedere solidarietà”. Sono bastate queste poche parole al presidente olandese dell’Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, rilasciate alla Frankfurter Allgemeine Zeitung, per sollevare finire al centro di numerose polemiche a Bruxelles, dove i socialisti europei si chiedono se il politico sia ancora adatto a ricoprire il suo incarico.

Pittella: “Frasi vergognose”

Nell’intervista pubblicata dalla Faz, il presidente Dijsselbloem accusa i Paesi del Sud Europa, che hanno subito maggiormente la crisi, di sperperare i propri soldi in alcol e donne. Frasi giudicate “vergognose” dal presidente del gruppo S&D nell’Europarlamento Gianni Pittella, che si domanda: “Come può una persona che ha queste convinzioni essere ancora considerato adatto ad essere presidente dell’Eurogruppo”. Per Pittella, il politico laburista (alle prese con una difficile riconferma dal momento che il Pvda, il suo partito, è crollato al 5,7% nelle ultime elezioni) usa “argomenti discriminatori contro i Paesi del Sud Europa. Non ci sono scuse per l’utilizzo di un simile linguaggio, specialmente da parte di qualcuno che è considerato un progressista”. Poi aggiunge: “non è la prima volta che Dijsselbloem esprime opinioni che sono apertamente in contrasto con la linea della famiglia progressista”, conclude.

M5S: “Dimissioni!”

Per gli eurodeputati del Movimento Cinque Stelle, invece, l’olandese dovrebbe dimettersi: “Dijsselbloem rassegni immediatamente le dimissioni da presidente dell’Eurogruppo – sottolineano in una nota i pentastellati al Parlamento europeo – le sue dichiarazioni sui Paesi del Sud sono gravi e vergognose. È inaccettabile – proseguono – che il presidente dell’Eurogruppo, in carica dal 2013, e con in mano le chiavi della moneta unica, si esprima in questi termini. La visione di Europa Dijsselbloem è ben evidente nelle politiche di questa Unione: una presunta superiorità economia, morale e anche culturale, dei Paesi del Nord a danno di quelli del Sud. Il risultato è sotto gli occhi di tutti: un’Europa ridotta in macerie dai burocrati come Dijsselbloem”.

Renzi su Facebook: “Persa un’occasione per tacere”

Contro il presidente dell’Eurogruppo si schiera anche Matteo Renzi, che in un lungo post su Facebook scrive: “Il Presidente dell’Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, ha perso una ottima occasione per tacere. In una intervista a un quotidiano tedesco si è lasciato andare a battute stupide, non trovo termine migliore, contro i Paesi del sud Europa a cominciare dall’Italia e dalla Spagna. Penso che gente come Dijsselbloem, che pure appartiene al partito socialista europeo anche se forse non se ne è accorto, non meriti di occupare il ruolo che occupa. E prima si dimette meglio è. Per lui ma anche per la credibilità delle istituzioni europee”.

“Se vuole offendere l’Italia lo faccia al Bar Sport sotto casa sua, non nel suo ruolo istituzionale – aggiunge l’ex segretario Pd – E penso anche che la nostra proposta di fare primarie per i ruoli di responsabilità in Europa sia fondamentale e spero sia rilanciata da tutti: Jeroen ha visto il suo partito passare alle ultime elezioni dalle 25% al 5%. Il che la dice lunga sul fatto che è giusto combattere i populisti ma bisogna farlo senza smettere di essere popolari. Altrimenti si diventa ingranaggi della tecnocrazia. Ci sono leader in Europa che faticano a prendere il voto dei parenti stretti: è l’ora di avere più democrazia, ovunque – conclude Renzi – Nella settimana dei trattati di Roma lavoriamo tutti per una Europa della democrazia e non della burocrazia”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS