Stop di Usa e Uk a tablet e pc sui voli provenienti da Paesi a rischio jihad

276
voli

Stop a tablet e pc sui voli per gli Stati Uniti provenienti da otto Paese dell’Africa settentrionale e del Medio Oriente, considerati ad alto rischio jihad. E l’ultimo provvedimento adottato dall’amministrazione Trump per far fronte a una non meglio precisata minaccia terroristica a due giorni dal vertice a Washington della coalizione a guida Usa che sta combattendo l’Isis.

Bando

A partire da sabato prossimo, giorno in cui il bando entrerà in vigore, tutti i dispositivi hi-tech più grandi di un cellulare dovranno essere obbligatoriamente imbarcati nella stiva dell’aereo. Secondo alcuni esperti, la natura della misura di sicurezza suggerirebbe un possibile attacco dai cieli, sul modello di quello dell11 settembre. La Royal Jordanian, che ha già informato i suoi passeggeri, ha fatto sapere che il provvedimento avrà effetti sui suoi voli verso New York, Chicago, Detroit e Montreal. I sauditi hanno ammonito della conseguenze sulle tratte da Riad e Gedda. Oltre alla compagnia giordana saranno interessate anche EgyptAir, Turkish Airlines, Saudi Airlines, Kuwait Airways, Royal Air Maroc, Qatar Airways, Emirates ed Etihad Airways. Dovranno viaggiare nel bagaglio in stiva anche le macchine fotografiche. Dal bando sono esclusi, oltre agli smartphone, anche le apparecchiature mediche.

Londra come Washington

Anche la Gran Bretagna ha adottato un provvedimento analogo. Un portavoce della premier Theresa May ha fatto sapere che il divieto di portare in cabina apparecchiature elettroniche di dimensioni superiori a quelle di un cellulare (lunghezza 16 centimetri, larghezza 9,3 e spessore 1,5) si applicherà ai passeggeri diretti nel Regno Unito da Turchia, Libano, Giordania, Egitto, Tunisia e Arabia Saudita. Una misura che il governo britannico considera “necessaria e proporzionata” per la “sicurezza del trasporto aereo”.

Rischi

Un esperto di sicurezza aerea ha ammonito sui rischi di far viaggiare in stiva le apparecchiature elettroniche, dall’aumento dei furti dei bagagli (come successo dopo che Londra decise una misura analoga nel 2006) alle batterie di certi laptop che possono incendiarsi.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS