Nuovo rapporto Msf: “La trasformazione dell’assistenza medica in Siria sotto i bombardamenti” I cambiamenti che Medici Senza Frontiere ha dovuto affrontare per continuare ad assistere la popolazione in guerra

162

La Guerra in Siria ha appena “celebrato” il sesto anno di conflitto. Per l’occasione, Medici senza Frontiere (MsF) – organizzazione internazionale privata con lo scopo di portare soccorso sanitario ed assistenza medica nel mondo – ha stilato un nuovo rapporto intitolato “La trasformazione dell’assistenza medica in Siria. Dilemmi e sfide delle strutture mediche sotto la minaccia costante di bombardamenti”. Nel report MsF illustra i compromessi e cambiamenti che l’azione medica ha dovuto affrontare per continuare ad assistere la popolazione: strutture sotterranee, assistenza da remoto, kit traumatologici, riduzione dei servizi offerti, tecnologia e telemedicina per decentralizzare le cure.

Tra le situazioni più critiche, la vaccinazione dei bambini: dall’intensificarsi del conflitto la maggior parte dei bambini in diverse aree della Siria non è stata vaccinata ed è a rischio per malattie come morbillo, rosolia, tetano o polmonite.

Una delle questioni più critiche e pressanti per MsF in Siria – prosegue il rapporto – è come risolvere il conflitto tra l’ideale di fornire la miglior assistenza medica possibile e la realtà di ciò che è possibile fare nelle circostanze attuali. Operando in un ambiente estremamente violento e mutevole – e con livelli di accesso limitati – MsF deve verificare continuamente l’efficacia del proprio intervento. Alcuni adattamenti (decentralizzazione e telemedicina) potranno migliorare la qualità e l’efficienza delle attività mediche di MsF, mentre altre soluzioni comprometteranno innegabilmente il livello di assistenza che MsF mira a offrire in queste circostanze.

Nei programmi di sostegno indiretto, MsF intende andare oltre l’impegno iniziale a fornire farmaci e strumentazioni a soggetti terzi. L’obiettivo è di sviluppare rapporti di partenariato più stretti con le strutture le cui attività mediche possono essere monitorate e migliorate. Infine, MsF respinge fortemente la tesi secondo cui è inevitabile che l’assistenza medica in zone di guerra diventi un bersaglio e chiede incessantemente la protezione delle strutture sanitarie, degli operatori e dei pazienti.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS