Parigi, il Consiglio di Stato dà ragione ai genitori: “Non staccare la spina a Marwa”

1413
  • English
marwa

L’attesissima decisione del Consiglio di Stato di Parigi è finalmente arrivati. La più alta istanza della giurisdizione amministrativa nell’ordinamento francese ha dato ragione alla famiglia della piccola Marwa e ha respinto la richiesta delle autorità sanitarie di Marsiglia di interrompere i trattamenti alla bambina. Nei mesi scorsi, gli ospedali pubblici di Marsiglia avevano invece chiesto al giudice amministrativo di confermare la sentenza del tribunale di primo grado per “porre fine alle terapie attive e alla respirazione artificiale”. Una decisione sospesa a inizio febbraio dallo stesso tribunale amministrativo di Marsiglia su richiesta dei genitori.

La storia di Marwa

Marwa, lo scorso settembre, ha contratto una rara forma di un enterovirus che le ha causato gravi danni neurologici. Vive grazie alla respirazione artificiale ed alimentata grazie ad un sondino. Gli esperti dell’ospedale di Marsiglia affermano che è impossibile capire se soffra o meno, che le sue condizioni sono irreversibili e che anche il funzionamento del cervello è stato compromesso. Per loro mantenerla in vita significherebbe accontentare solo “l’irragionevole ostinazione” dei genitori. Per dimostrare che i medici sono in torto, la famiglia algerina ha pubblicato diverse foto e video che ritraggono la piccola nel suo letto d’ospedale. In un filmato dello scorso 22 febbraio, si vede Marwa rispondere agli stimoli vocali delle madre e mentre fa “l’occhiolino al padre”.

I medici: “Staccate la spina”

Per il personale medico la situazione di Marwa è irreversibile e sostengono che non ci sia nulla da fare. Per questo vorrebbero “staccare la spina” dei macchinari che la tengono in vita. Ma a lottare accanto alla piccola ci sono i suoi genitori che si sono opposti fin da subito all’ipotesi di lasciar morire la loro bambina. “Non perdiamo la speranza”, ripetono da mesi. Per salvare Marwa dalla morte si sono rivolti al Tribunale amministrativo di Marsiglia, che ha dato loro ragione. Però il personale medico ha deciso di portare il caso davanti al Consiglio di Stato di Parigi, parlando di una “irragionevole ostinazione” dei genitori della piccola. Secondo il parere dei dottori, Marwa ha subito danni irreversibili al cervello, sarà per sempre costretta a letto e per vivere dovrà essere costantemente attaccata a dei respiratori e ai sondini per alimentarsi.

#jamaissansmarwa

I genitori di Marwa, Mohamed e Anissa Bouchenafa, non si sono rassegnati al parere dei medici e, nei mesi scorsi, hanno anche diffuso alcuni video dove si vede che la piccola è sveglia. Inoltre la famiglia algerina ha creato una petizione online per chiedere l’estensione delle cure per la loro figlia. L’appello lanciato sulla pagina Facebook Jamais sans Marwa, raccolse più di 70 mila firme.

Solidarietà dal web e non solo

Per aiutare la famiglia algerina a sostenere le spese legali è stata anche fatta una raccolta fondi dalla quale sono arrivati 8 mila euro. Inoltre, durante la finale di Coppa di Francia tra Marsiglia e As Monaco, i tifosi del Marsiglia hanno esposto uno striscione dove campeggiavano due grandi cuori e la scritta “Jamais sans Marwa”. La pagina Facebook al momento ha superato i 126 mila iscritti, mentre sulla piattaforma change.org, la petizione lanciata dai genitori per impedire ai medici di staccare il respiratore, ha superato le 280 mila firme.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS