“E’ un Papa Pop”: Rolling Stone dedica la copertina di marzo a Bergoglio La rivista ha voluto così omaggiare un Pontefice che "ha conquistato tutti i giovani con le sue parole di attenzione agli ultimi, ai più poveri, con i suoi toni vicini alla gente comune"

255
papa

Papa Francesco conquista anche la copertina della rivista di musica, politica e cultura Rolling Stone. Infatti, l’edizione italiana del magazine, in edicola dal 9 marzo, ha deciso di dedicare la copertina al Pontefice argentino. Di Francesco è stata scelta un’immagine sorridente, mentre mostra il pollice alzato. Nel reportage di apertura della cover story del mensile, viene spiegato il perché di questa scelta: “Il Papa dice cose di buon senso, talmente di buon senso che la sua solitudine comincia ad essere palpabile”.

La seconda copertina per Papa Francesco

In realtà, è la seconda volta che il Pontefice finisce sulla copertina della celebre rivista. La prima volta è stata nel gennaio del 2014 quando, prima della conclusione del suo primo anno di pontificato, l’edizione statunitense della Rolling Stone decise di dedicare la cover story al Pontefice. La rivista ha voluto così omaggiare un Pontefice che “ha conquistato tutti i giovani con le sue parole di attenzione agli ultimi, ai più poveri, con i suoi toni vicini alla gente comune, con una disposizione decisamente popolare, anzi pop”. Inoltre, per Rolling Stone, Francesco, “è il Papa che appare davvero adatto ai nostri tempi“.

Papa Francesco “è come il pane fatto in casa”

In uno dei due reportage dedicati alla cover story, Rolling Stone ha intervistato il regista Ermanno Olmi che ha definito il Pontefice “come il pane fatto in casa”, mentre nel secondo, a parlare sono i ragazzi delle “case bianche” del quartiere Trecca, che sarà la prima tappa della visita di Bergoglio a Milano, il prossimo 25 marzo.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS