Cade nel vuoto al cinema, grave 14enne, gli amici: “aveva fumato uno spinello” La polizia sta ascoltando gli amici che erano con lei in quel momento e sta prendendo i filmati delle telecamere

267

Una ragazza di 14 anni è precipitata da un’altezza di circa sei metri al Bicocca Village in via Chiese, Milano, sembra dopo aver fumato uno spinello. La giovane è stata trasporta in condizioni serie in ospedale Niguarda e la polizia ha comunicato che, sebbene abbia riportato ferite molto gravi, sarebbe fuori pericolo.

Sono ancora in corso le verifiche sulla dinamica. Secondo quanto ricostruito dalla polizia, giunta sul posto, l’adolescente sarebbe caduta poco dopo le 20.30 da una terrazza al primo piano del cinema dove era andata a vedere un film in compagnia di alcuni compagni di classe. La caduta è avvenuta all’interno del centro commerciale in un orario in cui era pieno di clienti. La prima chiamata di aiuto è partita proprio da un testimone. Al momento dell’arrivo del 118, la ragazzina era in arresto cardiaco.

La polizia sta ascoltando i compagni che erano con lei in quel momento e sta prendendo i filmati delle telecamere di sorveglianza. Secondo le prime informazioni raccolte tra gli amici, per ora si esclude che possa essersi trattato di un gesto volontario; pare invece che la ragazza avesse fumato marijuana. Non è ancora possibile dire con certezza se poi lei sia precipitata perché ha perso il controllo o se abbia avuto un malore in seguito all’uso di sostanze. In entrambi i casi, l’eventuale uso di droga ipotizzato da chi era con lei potrebbe avere giocato un ruolo determinante in ciò che è accaduto.

Da anni, le analisi delle acque reflue svolte dall’Istituto Mario Negri di Milano attribuiscono al capoluogo lombardo il triste primato del consumo di sostanze. Questa triste vicenda, che si spera si concluda nel migliore dei modi, getta comunque una luce inquietante su quanto siano gravi, e imponderabili, gli effetti delle droghe sugli adolescenti.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS