Nord Dakota: sgomberato il campo anti-oleodotto dei Sioux: 10 arresti Oltre al Dakota Access Pipeline, Donald Trump ha dato il suo ok per la costruzione del Keystone Xl

476
sioux

Sono stati costretti alla resa i Sioux che manifestavano contro la costruzione dell’oleodotto in Nord Dakota. I nativi hanno protestato per mesi contro la realizzazione del Dakota Access Pipeline che, una volta terminato, dovrebbe attraversare quattro Stati Usa e una riserva Sioux, prima di arrivare a portare il petrolio nell’Illinois.

La protesta

Da circa un anno i Sioux e alcuni ecologisti hanno allestito un campo all’interno della riserva Standing Rock per evitare la costruzione dell’oleodotto che, se seguisse il suo percorso originario, distruggerebbe oltre 380 siti sacri per i nativi e rischierebbe di inquinare le falde acquifere nella zona.

Scontri e arresti nel campo

Dieci persone sono state arrestate durante le operazioni di sgombero del campo perché, secondo quanto riferito dal governatore Doug Burgum, stavano cercando di impedire l’accesso delle autorità nell’accampamento. Delle oltre cento persone iniziali, all’interno del presidio sono rimaste solo una ventina di attivisti. A loro le forze dell’ordine hanno lanciato un ultimatum, chiedendo di allontanarsi per evitare l’arresto. Prima dell’arrivo delle autorità, gli attivisti hanno appiccato una ventina di fuochi come “cerimonia di addio”, ma un bambino di sette anni e una giovane di 17 sono rimasti ustionati e sono stati trasportati nel vicino ospedale di Bismarck.

Dakota Access e Keystone Xl

Lo scorso 24 gennaio – solo quattro giorni dopo il suo insediamento – il presidente Donald Trump ha firmato due ordini esecutivi per rilanciare due oleodotti la cui realizzazione era stata fermata dal suo predecessore, Barack Obama. Si tratta del Keystone XL, un progetto che prevede la costruzione di 1900 chilometri di oleodotto che colleghino il Canada al Texas, e il Dakota Access Pipelinele cui tubature passerebbero per 4 stati Usa e distruggerebbe oltre 380 siti sacri per i Sioux. Entrambi i progetti erano stati bloccati dal presidente Obama per timori di danni ambientali. 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS