Vestiti contraffatti per i bisognosi: il dono della GdF alla Comunità Papa Giovanni XXIII

611
vestiti

Vestiti e capi d’abbigliamento contraffatti e sequestrati, sono stati donati ai bisognosi. E’ il regalo della Guardia di Finanza di Cittadella, in provincia di Padova, che ha devoluto alla Comunità Papa Giovanni XXIII 200 i primi capi di abbigliamento. Ad annunciarlo è la stessa comunità, che in una nota spiega come verranno utilizzati i capi recuperati, una volta eliminate le etichette contraffatte.

Un nuovo uso

“Ringraziamo l’amministrazione comunale di Cittadella e l’assessora al sociale Marina Beltrame che, con la collaborazione della Guardia di Finanza di Cittadella, hanno dimostrato lungimiranza rispetto ai bisogni del territorio – spiega Luca Rinaldi, responsabile di zona della Comunità -. Questi capi prodotti illegalmente diventano così riutilizzabili dai minori e dai disabili accolti nelle nostre case famiglia, dagli adulti che vivono nelle nostre realtà di pronta accoglienza, dalle persone che incontriamo con le nostre unità di strada e che non hanno il necessario per vivere una vita dignitosa”.

La Comunità in Veneto

La Comunità Papa Giovanni XXIII è presente in Veneto con 67 realtà di accoglienza, 3 cooperative di reinserimento lavorativo, 2 centri diurni per disabili, 1 per psichiatrici, 4 unità di strada contro la tratta delle donne e sostiene 55 famiglie affidatarie. In questa regione “abbiamo centri di prima accoglienza per donne che sono vittime di tratta ai fini della prostituzione, comunità terapeutiche per giovani vittime delle dipendenze – aggiunge Rinaldi -. Azioni come questa ci consentono di vivere la nostra chiamata all’accoglienza, facendoci carico delle situazioni di grave emarginazione che incontriamo. Il nostro ringraziamento va anche ai volontari delle associazioni che hanno donato gratuitamente il proprio tempo per rimuovere le etichette contraffatte – conclude -, permettendo ai capi di abbigliamento di ritornare a vita nuova”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS