Disney, annunciati i doppiatori del live action de “Il Re Leone” James Earl Jones presterà al voce a Mufasa, Donald Glover al principe Simba

416
re leone

Dopo il live action di “Cenerentola”, “Il libro della giungla” e “La bella e la bestia”, a marzo nelle sale di tutta Italia, ecco arrivare anche “Il Re Leone”, film d’animazione del 1994 e 32mo “Classico” della Disney e diretto da Roger Allers e Rob Minkoff. Il regista del nuovo live action, Jon Favreau, ha rivelato su twitter i primi due attori, o meglio, doppiatori, ufficiali del cast.

La voce di Re Mufasa

A dare la voce a Mufasa sarà James Earl Jones, storico attore del cinema americano. Al grande pubblico è noto per aver doppiato Darth Vader nella trilogia di Star Wars. Nel nuovo live action della Disney interpreterà il re che sarà poi ucciso dal fratello Scar che ambisce a salire al trono.

La voce del principe Simba

Il piccolo principe, ansioso di diventare “presto un re”, sarà invece Donald Glover. Già rapper, attore, comico e sceneggiatore statunitense, è noto soprattutto per il ruolo di Troy Barnes nella serie televisiva “Community” e per il ruolo di Earnest “Earn” Marks in “Atlanta”, che gli è valso due Golden Globe, come miglior attore e miglior serie, nel 2017. Sarà dunque un artista poliedrico ad interpretare il vero protagonista della storia, Simba, che crescerà lontano dal suo regno con Timon e Pumba.

La sceneggiatura

La sceneggiatura del live action è di Jeff Nathanson, famoso per aver scritto anche quelle di “Prova a prendermi” e “Tower Heist – Colpo ad alto livello”, e alla tecnica del “computer-generated imagery (termine mutuato dalla lingua inglese che tradotto letteralmente in italiano significa immagini generate al computer), più nota con la sigla cgi. Consiste in un’applicazione della computer grafica 3D per la resa degli effetti speciali digitali nei film. La stessa tecnica è stata usata anche ne “Il libro della Giunga”. Per il momento del film non si sa nient’altro.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS