Raid russo-siriani nella provincia di Daraa: 16 morti e 6 ospedali distrutti in 24 ore I bombardamenti di Mosca e Damasco hanno colpito la zona dove nel marzo 2011 iniziarono le prime rivolte anti Assad

205
raid

Sedici morti, soprattutto bambini, e 6 ospedali distrutti in 24 ore. E’ questo il bilancio degli oltre 60 raid condotti dall’aviazione governativa siriana e da quella russa sua alleata nelle città e nei villaggi della provincia di Daraa dove a marzo 2011 presero il via le prime manifestazioni contro il regime del presidente siriano Bashar al-Assad. E’ quanto si legge sul sito di notizie vicino all’opposizione “All 4 Syria”, che cita l’attivista Ahmad al-Masri.

Stando a Masri, “nelle ultime ore l’aviazione russa e gli elicotteri del regime hanno colpito incessantemente” con raid e barili bomba che hanno preso di mira anche i poli ospedalieri di al-Yaduda, al-Naimeh, Nasib, al-Ghariya est e al-Jizah, per un totale di “sei ospedali distrutti che servivano più di 300 mila persone nelle aree ‘liberate’ di Daraa”, mentre si contano almeno “16 vittime, per la maggior parte bambini, e decine di feriti”.

L’opposizione riferisce che da lunedì si assiste a una violenta offensiva aerea russa sui quartieri della città di Daraa in mano ai ribelli armati, la prima da quando è iniziato l’intervento militare di Mosca in Siria, e questo dopo che domenica i ribelli avevano inferto pesanti perdite alle forze del regime conquistando terreno nella provincia.

Inoltre, secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, ong legata agli attivisti delle opposizioni, almeno 24 civili sarebbero stati uccisi in bombardamenti contro la zona di al-Bab, nel nord della Siria, a ridosso del confine con la Turchia.

L’area è da mesi teatro di operazioni contro i jihadisti dell’Is. Le forze turche intervengono nella zona nell’ambito dell’operazione “Scudo dell’Eufrate“, lanciata alla fine dello scorso agosto a sostegno dei ribelli dell’Esercito libero siriano. Lo Stato Maggiore turco riferendo delle ultime 24 ore di operazioni ha fatto sapere che almeno 15 jihadisti dell’Isis sono stati ”neutralizzati” nella Siria settentrionale.

Intanto “Site”, portale che monitora i media jihadisti, a proposito nel crescente scontro tra gruppi differenti di militanti nell’ovest della Siria ha reso noto che sono più di 150 i ribelli rivali uccisi da esponenti di un’ala di Jund al-Aqsa nel villaggio di Khan Sheikhoun a sud della provincia occidentale di Idlib.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS