I tre tabù che frenano l’Europa

1032

Le dichiarazioni del commissario europeo agli affari economici e monetari Moscovici sulla crescita italiana stabile ma modesta a causa delle nostre debolezze strutturali sono senz’altro fondate, perché dobbiamo continuare a lavorare sul “sistema Paese”, a curare i nostri difetti, cominciando dalla burocrazia. Va anche ricordato che l’Italia è una “media” tra territori molto diversi. Il divario tra Nord e Sud è molto forte e il problema del Mezzogiorno va affrontato in maniera decisa.

Tuttavia, l’impressione è che in Europa non ci sia piena fiducia nei nostri confronti, circostanza che spinge Bruxelles a chiederci continue prove della nostra effettiva volontà di tenere a posto i conti. In fondo chiedere 3 miliardi in più è un’inezia. Il nostro rapporto deficit/Pil è di gran lunga migliore rispetto a quello di Paesi come la Spagna o la Francia, ben al di sotto del 3% fissato dai parametri europei. E’ vero che il nostro debito è più elevato ma anche quello francese o spagnolo è alto. Eppure, nei confronti dell’Italia c’è una sorta di “sfiducia strutturale” che ci penalizza. Se invece riuscissimo a migliorare la crescita si potrebbe iniziare a ridurre sensibilmente il rapporto tra debito e Pil.

C’è poi il monito della Corte dei Conti che ha invitato esplicitamente l’Unione europea a considerare gli sforzi dell’Italia e a non frenarne la crescita. Purtroppo l’Ue ha questo mito dell’austerità che è sbagliato. E’ vero che grazie alla mano generosa di Draghi l’Italia ha risparmiato lo scorso anno circa 15 miliardi di interessi con il “quantitative easing”. Ma se le politiche fiscali fossero più coraggiose il pareggio di bilancio sarebbe un obiettivo raggiungibile.

Un passo avanti fondamentale sarebbe la “mutualizzazione” delle risorse, la loro condivisione. Eurobond, assicurazione dei depositi bancari e “bad bank” sono tre tabù da superare. E’ indispensabile mettere assieme le risorse se l’Europa, e in particolare l’Eurozona, vuole sopravvivere. Altrimenti sarà necessario trovare equilibri valutari differenti. Un debito condiviso sarebbe molto più basso di quello degli Stati Uniti e del Giappone e metterebbe al riparo dai rischi di speculazione finanziaria. Ma l’Europa a trazione tedesca tentenna di fronte a questo bivio, nonostante lo stesso Schulz abbia ammesso che l’Unione è stata un vantaggio soprattutto per la Germania.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

2 COMMENTS

  1. Come rafforzare Politicamente l’Italia?
    Come qualificare Politicamente l’Italia nel Consesso Europeo affinché l’asse francogermanico del Nare del Nord abbia un deciso contrappeso da parte dei Osesi del Bacino del Mediterraneo che soli possono offrire alla Vera Europa Continentale una Seria Prospettiva Geostrategica?
    Come Difendere Popolo e Nazione Italiani dall’attacco che stiamo subendo da parte di non ben identificati Poteri Sovranazionali la cui Matrix è ben risaputa?

  2. Ma perchè invece che il solito tritume possibilista ed irrealizzabile, non cominciamo a tagliare gli sprechi enormi sbattuti in faccia senza pudore alla povera gente’
    Dimezzare i costi della Rai vendendo 2 reti, taglio del pizzo mafioso a Radio radicale, abolizione del disgustoso vitalizio a parlamentari e assessori, taglio delle pensioni d’oro a funzionri pubblici, magistrati, ex togati vari, taglio degli stipendi d’oro ai dirigenti di aziende a partecipazione statale, standardizzazione feroce dei costi delle forniture sanitarie, aiuti alle scuole paritarie che funzionano, chiusura di quelle pubbliche che fanno vergogna, rigidìssimo controllo sui bilanci e le operazioni che i gruppi bancari metto in atto per frodare il fisco (altro che Zamparini!).
    Devo andare avanti o le basta?
    La gente è stufa di classi di privilegiati come sindacalisti, giornalisti, giudici e magistrati intoccabili: e siamo ancora qui con frasi tipo”sistema paese” o”divario nord/sud?”
    BASTA PRESE IN GIRO!
    PIER DE HATFIELD

LEAVE A REPLY