IL SANTO DEL GIORNO SAN ILARIO

26943

s.ilarioSant’Ilario, vescovo e dottore della Chiesa. Nacque a Poitiers, in seno al paganesimo, da una delle più illustri famiglie di Francia, intorno al 315 d.C. Egli era pieno di riverenza per la verità, ed era pronto a tutto quando si trattava di prenderne la difesa. Si pose un giorno a leggere la Sacra Bibbia, e giunto alle parole: “ego sum qui sum: Io sono Colui che sono”, ne fu fortemente impressionato. Continuò a leggere la Sacra Scrittura e illuminato dall’onnipotenza di Dio, piegò la mente ad adorarlo come suo Creatore e Signore, così avvenne la sua conversione.
Modellò la sua vita secondo le massime del Vangelo, ed era così zelante nello spingere anche gli altri alla pratica delle virtù, che il popolo di Poitiers lo ammirava unanimemente e lo elesse proprio vescovo, nonostante tutte le sue rimostranze. Dopo l’elezione, egli non si considerò più che come uomo di Dio, e predicava con zelo instancabile, muovendo i peccatori alla conversione.
Avendo l’imperatore Costanzo, seguace dell’eresia ariana, radunato a Milano un concilio per la condanna di S.Atanasio, S.Ilario gli scrisse un libro in cui cercò di convincerlo a lasciar liberi i cattolici di esercitare la religione cristiana con i loro vescovi, e per far meglio conoscere l’orrore in cui egli aveva l’eresia, si separò dalla comunione dei vescovi occidentali che avevano abbracciato l’arianesimo.
Costanzo lo fece esiliare in Frigia, ma i suoi fedeli non si staccarono da lui, ed egli continuò a governarli per mezzo dei sacerdoti. Nell’esilio il santo non si lamentò mai dei nemici, anzi impiegò il tempo a scrivere varie opere dotte, tra le quali il “Trattato della Trinità” per cui fu riconosciuto Dottore della Trinità. Inoltre molte opere per mostrare le contraddizioni degli ariani e celeberrimi commenti ai salmi e al vangelo di Matteo.
Morì l’anno 368 d.C. Negli scritti che ci ha lasciato, vi si trova uno stile nobile, fiorito, sublime, ma soprattutto un vero spirito di pietà; egli non ebbe altro fine che di far conoscere il nome santo di Dio. Pio IX nel 1851 lo ha proclamato dottore della Chiesa.

CURIOSITA’: S.Ilario è venerato come santo dalla Chiesa cattolica, dalla Chiesa ortodossa e dalla Comunione anglicana. È patrono della città di Parma.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS