IL SANTO DEL GIORNO SAN IGINO

14992

SANTIGINOSan Igino, papa. Verso la fine del sec. XI, S. Ireneo, di ritorno da un viaggio a Roma, elencava i dodici vescovi succedutisi nella sede romana da S. Pietro ai suoi giorni. Igino era nono di questa serie, unico a portare questo nome, successore di S. Telesforo “che diede una gloriosa testimonianza”, cioè subì il martirio, sotto l’imperatore Adriano.
Il Liber Pontificalis e il Martirologio Romano affermano che San Igino subì il martirio, l’11 gennaio (forse del 140), durante la persecuzione di Antonino Pio, e fu sepolto “presso il corpo del beato Pietro in Vaticano”. Altri furono i suoi meriti. Durante il suo breve pontificato (136-140), diminuiti gli attacchi dei pagani contro “la nuova razza senza patria” (come venivano chiamati i cristiani), la Chiesa si vide minacciata all’interno dal proliferare di sètte eretiche. Valentino e Cerdone avevano osato recarsi nella stessa Roma a spargervi l’eresia gnostica, un miscuglio di dottrine e pratiche religiose a carattere filosofico e mistagogico rette da questo principio fondamentale: c’è una fede comune che può bastare al volgo, ma vi è anche una scienza riservata ai dotti, che offre una spiegazione filosofica della fede comune. I due eretici vennero sconfessati da papa Igino che il Liber Pontificalis definisce “filosofo”, di origine ateniese.
Igino si adoperò così per la preservazione dell’integrità del genuino insegnamento evangelico. Egli inoltre, anche sull’esempio del grande imperatore Adriano, che aveva creato un efficiente apparato burocratico che assicurava una saggia amministrazione dell’immenso impero romano, intervenne sulla struttura gerarchica, istituendo gli Ordini minori, che consentivano di migliorare il servizio della Chiesa e di preparare i candidati al sacerdozio mediante un avvicinamento progressivo ai santi misteri. A lui sembra risalire anche l’istituzione del padrinato per il battesimo.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS