IL SANTO DEL GIORNO BEATA VERGINE MARIA DI LORETO

12703
madonna_loretoBeata Vergine Maria di Loreto. Il Santuario di Loreto (AN) è sorto nel luogo in cui, secondo la leggenda, la dimora di Maria Vergine sarebbe stata trasportata prodigiosamente dagli Angeli. La storia del Santuario inizia il 10 dicembre 1294, con l’arrivo a Loreto della Casa dove la Madonna avrebbe ricevuto l’annuncio della nascita miracolosa di Gesù. In un primo momento la preziosa reliquia venne elevata e coperta da una volta e poco dopo circondata da portici, quindi da una chiesetta e infine dall’attuale Basilica.
Nel 1468, per volontà del vescovo di Recanati, Nicolò de Astis, cominciarono i lavori per la costruzione del grande Santuario, sia a protezione della Santa Casa, sia per accogliere la gran folla di pellegrini sempre crescente che vi si recava in visita. Nel 1469, fu Papa Paolo II a proseguirne i lavori, anche perché, quando nel 1464, ancora cardinale, venne in visita a Loreto, sarebbe stato miracolosamente guarito dalla Madonna. Nel 1587, con l’aggiunta della facciata, l’edificio poté ritenersi finalmente concluso.
Secondo la tradizione la traslazione iniziò il 10 maggio 1291 e passò attraverso la Dalmazia. Il Vescovo del luogo, il governatore ed alcuni pellegrini riconobbero in quella casetta la casa di Maria. Per averne le prove, essi mandarono in Palestina una commissione la quale constatò che la casa di Maria era scomparsa di là e le fondamenta rimaste concordavano perfettamente con i muri dell’edificio apparso sui monti dalmati. La convinzione di questa miracolosa traslazione ha spinto papa Benedetto XV a costituire la Beata Vergine di Loreto “Patrona principale presso Dio di tutti gli aeronautici”. Ancora oggi questa basilica è meta di continui pellegrinaggi ed è considerata la “Lourdes italiana”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS