Il primo ministro Kenny: “Francesco in Irlanda nel 2018. Forse visita anche in Ulster” Il Santo Padre si recherà a Dublino in occasione della Giornata Mondiale della Famiglia in programma dal 22 al 26 agosto

100
  • English
francesco

Papa Francesco si recherà in Irlanda nell’agosto del 2018. E’ quanto hanno riferito i media irlandesi, riportando l’annuncio dato dal primo ministro Enda Kenny che questa mattina è stato ricevuto in udienza privata dal Santo Padre. Il viaggio apostolico del Pontefice si svolgerà in occasione della Giornata Mondiale della Famiglia in programma a Dublino dal 22 al 26 agosto 2018.

Kenny, che secondo quanto riportano i media irlandesi ha ricevuto dal Papa la conferma della visita a Dublino, ha spiegato che il governo irlandese “coopererà e assisterà” ogni passo necessario per un prolungamento della visita anche in Ulster. L’ultima visita di un Papa in Irlanda risale a quasi 40 anni fa, al 1979, con il viaggio di Giovanni Paolo II.  Inoltre non è escluso che Bergoglio riesca a concretizzare il desiderio del suo predecessore: recarsi in Irlanda del Nord. Wojtyla, come ha spiegato il primo ministro Kenny, non poté andare a causa delle tensioni dell’epoca.

Sottolineando il suo apprezzamento per la decisione positiva di Francesco, il premier Kenny ha spiegato che il Pontefice si è mostrato consapevole del ruolo della Chiesa Cattolica nel processo di pace in Ulster e “non ha espresso il desiderio di non andare in Irlanda del Nord”. A seguito dell’udienza privata  a cui ha preso parte un sacerdote sudafricano che aveva il ruolo di traduttore, il premier irlandese ha donato al Papa una stampa a colori raffigurante la natività, realizzata dall’artista Harry Clarke, mentre Bergoglio ha ricambiato con un’acquaforte del progetto della Basilica di san Pietro a croce greca che non fu mai realizzato, e con le copie delle sue opere, Evangelii gaudium, Laudato si’ e Amoris laetitia, assieme al tradizionale medaglione della pace.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS