IL SANTO DEL GIORNO SAN GIACOMO DELLA MARCA

9286

San-Giacomo-della-Marca-150x150San Giacomo della Marca, nacque a Monteprandone (Ascoli Piceno) nel 1394. Compiuti gli studi liberali si laureò in Diritto a Perugia intorno al 1412 ed esercitò la professione di giudice e poi di notaio in Toscana nella segreteria comunale di Firenze. Entrato in amicizia con i francescani del luogo e meditando intorno al mistero di Cristo lasciò l’avvocatura ed entrò nell’Ordine dei Frati Minori nel luglio del 1416, nel 1423 venne ordinato sacerdote.

Fu discepolo di san Bernardino da Siena, dal quale ricevette il saio francescano. Come il maestro, anch’egli si diede alla predicazione dell’est Europa per ordine del Papa. Oratore ardente, si scagliò soprattutto contro i vizi dell’avarizia e dell’usura. Proprio per combattere quest’ultima, san Giacomo della Marca ideò i Monti di Pietà, dove i poveri potevano impegnare le proprie cose, non più all’esoso tasso preteso dai privati usurai ma ad un interesse minimo.
Prese parte al Concilio di Firenze nel 1439 per la riunione fra la Chiesa latina e quelle orientali. Su invito di Pio II partecipò al Concilio di Mantova del 1459, convocato per indire una crociata contro i Turchi. Fondò alcuni conventi, diffondendo anche la devozione del nome di Gesù. Pur immerso in tante fatiche si prodigò a costruire basiliche, conventi, biblioteche, pozzi e cisterne pubbliche. Storico anche il suo intervento nel 1463 in veste di pacificatore per le città di Fermo e Ascoli, eterne nemiche, a suggello di ciò nello stemma di ciascuna delle due città anche oggi è rappresentato lo stemma dell’altra ex nemica.
Morì a Napoli il 28 novembre 1476. Il suo corpo venne sepolto nella chiesa di “Santa Maria la Nova” a Napoli. Nel 2001 il corpo è stato traslato nel Santuario “Santa Maria delle Grazie”, da lui fondato, a Monteprandone.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS