Usa, Trump denuncia brogli elettorali: “Ho vinto anche il voto popolare” La verde Jill Stein che ha ufficialmente chiesto di ricontare i voti in Wisconsin e ha promesso che presto chiederà la stessa cosa per la Pennsylvania e il Michigan

130
brogli

“Oltre ad aver vinto in maniera schiacciante nel Collegio Elettorale, ho vinto anche il voto popolare, se togliete i milioni di persone che hanno votato illegalmente”. Con questo post, affidato alla piattaforma social di Twitter, il presidente eletto Donald Trump ha denunciato i brogli elettorali che si sarebbero verificati durante le elezioni dello scorso 8 novembre, giorno in cui milioni di americani sono stati chiamati alle urne per scegliere il nuovo capo di Stato Usa.

Ore più tardi, il presidente eletto è tornato ancora una volta a ribadire le sue accuse, sempre affidandosi a Twitter. “gravo brogli elettorali in Virginia, New Hampshire e California, perché i media non ne parlano? Gravi pregiudizi, Grosso problema”. Ma, ciò che risulta strano è come mai né Trump né il suo staff abbiano chiesto che i voti vengano conteggiatati nuovamente se temono che ci siano state delle irregolarità.

Però quei 2,2 milioni di voti di scarto nel voto popolare a vantaggio della Clinton – ma le regole elettorali Usa hanno affidato la maggioranza del collegio elettorale, i cosiddetti grandi elettori, a Trump, non hanno convinto la verde Jill Stein che ha ufficialmente chiesto di ricontare i voti in Wisconsin e ha promesso che presto chiederà la stessa cosa per la Pennsylvania e il Michigan.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS