Scintille in Campidoglio sull’uso del blog di Grillo per le comunicazioni di Roma Capitale La sindaca replica piccata a un'interrogazione del Pd: "Il sito del Comune viene aggiornato continuamente"

146
campidoglio

L’uso del blog di Beppe Grillo per le comunicazioni istituzionali di Roma Capitale diventa oggetto di un’interrogazione, presentata in Campidoglio dal Pd. Pronta la replica di Virginia Raggi che in Aula si è rivolta alla capogruppo dem, Michela Di Biase. “Mi fa piacere – ha detto la sindaca – che lei abbia come principale preoccupazione la delucidazione sulle mie interviste o post ripresi su internet. Fa bene a ricordare dell’esistenza del sito istituzionale del Comune, e forse di tanto in tanto dovrebbe anche consultarlo”.

Raggi ha spiegato che il portale istituzionale viene “aggiornato continuamente con contenuti e notizie utili per romani, è un sito che stiamo arricchendo giorno dopo giorno e che ha visto la scorsa settimana anche la nascita di una nuova sezione, ‘La sindaca informa‘, dove io aggiorno i cittadini con cadenza settimanale su tutto ciò che l’amministrazione e gli assessori fanno e do un’informazione che sia la più completa possibile. Noi del M5s teniamo molto all’informazione, anche perché come cittadini sappiamo che per anni le amministrazioni hanno dimenticato di informare”.

La sindaca nel suo intervento ha fatto riferimento in maniera polemica anche alla comunicazione del premier Matteo Renzi per il referendum. “Cosa c’entra Renzi, di grazia? – è stata la risposta piccata di Di Biase – Anche oggi, sindaco, la sua lettura non è stata adeguata: non solo non risponde ad una interrogazione legittima del Pd ma si prende gioco delle opposizioni! Lei il valore dell’Aula non ce l’ha presente. Lei dice di essere tanto attenta ai cittadini da aver creato uno specifico portale ‘La sindaca risponde’, ma lei ha creato quel portale il 18 novembre in seguito all’interrogazione del Pd che è dell’11 novembre“.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS