A Roma il “Festival dell’Amatriciana” di Eataly nel segno della tradizione Dal 2 al 4 dicembre eventi gastronomici, culturali e d'intrattenimento

206
amatriciana

A causa del sisma sarà Eataly ad ospitare il Festival dell’Amatriciana. “Il 24 agosto 2016 segna inevitabilmente uno spartiacque per Amatrice. A pochi giorni dal terremoto avremmo dovuto festeggiare la cinquantesima edizione della Sagra degli spaghetti all’amatriciana. Molte persone erano arrivate da tutta Italia per questo evento. Per il rispetto di coloro che non ce l’hanno fatta abbiamo deciso di consegnare la sagra alla storia di Amatrice e di esporre la maglia caratteristica nel museo che verrà ricostruito. Ma non molliamo le nostre tradizioni, e il piatto famoso in tutto il mondo che ha contribuito in modo essenziale a sollecitare la solidarietà di tantissime persone. Per questo, a dicembre, da Eataly partirà l’anno 0 del Festival dell’Amatriciana”.

Con queste parole Sergio Pirozzi, sindaco di Amatrice, annuncia e spiega la novità della manifestazione che avrà luogo a Eataly Roma dalla serata di venerdì 2 a domenica 4 dicembre. L’evento è organizzato da Eataly Roma e dal Consorzio delle Eccellenze d’Italia in collaborazione con il Club de I Borghi più belli d’Italia, a cui il Comune di Amatrice è associato dal 2015. Sarà una tre giorni di eventi in cui la proposta enogastronomica, incentrata sul piatto simbolo di Amatrice, assieme alla sua “variante bianca”, si unirà a iniziative di carattere istituzionale, culturale e di intrattenimento.

Protagonisti indiscussi saranno i cuochi di oltre 10 ristoranti che hanno fatto la storia dell’eccellenza gastronomica amatriciana, le cui attività sono state gravemente compromesse dal sisma: Hotel Roma, Mari e Monti, La Fattoria, La Lanterna, Il Castagneto, Da Giovannino, Caffè Patrizia, Da Santino, La Campagnola, Matrù, Lo Scoiattolo, Piccolo Lago e l’Agriturismo Fattoria Santarelli. A tutti loro, riuniti in via eccezionale in un’unica grande cucina solidale, sarà affidata la realizzazione di gricia e amatriciana, secondo la l’unica e vera ricetta che li ha fatti apprezzare in tutto il mondo. Una scelta che ha un significato preciso e concreto, poiché l’intero incasso delle vendite sarà devoluto al Comune di Amatrice con la finalità di contribuire, più in particolare, alla ripresa di queste stesse attività ristorative.

Anche il Patron di Eataly, Oscar Farinetti, si dice contento dell’iniziativa: “Siamo particolarmente orgogliosi di ospitare questa prima edizione del Festival dell’Amatriciana, organizzato insieme al Comune di Amatrice, al Consorzio delle Eccellenze Italia e al Club I Borghi più belli d’Italia. Per causa di forza maggiore, come evidentemente comprensibile, quest’anno il comune di Amatrice non ha potuto svolgere la sua bellissima sagra; Eataly si è messa a disposizione per ospitarla, cercando di replicare i cibi, i canti e la gioia che normalmente ogni anno invadono il popolo di Amatrice. Riteniamo che sia nostro dovere farlo, e doneremo naturalmente tutto l’incasso al Comune”.

La manifestazione sarà inaugurata da un convegno che si terrà alla presenza di rappresentanti del mondo istituzionale, come il sindaco di Amatrice e del Presidente de “I Borghi più belli d’Italia“, Fiorello Primi. Ricco il programma: dagli showcooking in cui si illustreranno i segreti per la realizzazione della “vera” amatriciana, alla musica dal vivo, fino a spazi culturali e momenti di intrattenimento con la partecipazione di testimonial del mondo dello spettacolo. Inoltre, sarà allestita una mostra intitolata “Amatrice com’era”, per non far dimenticare questo luogo, che tutti auspicano possa tornare presto al suo antico splendore.

“Ad un anno dall’ingresso di Amatrice nell’Associazione – spiega Primi – ci troviamo a far fronte ad una situazione che ha fortemente compromesso lo sviluppo turistico oltre che economico di questo Borgo. Siamo quindi onorati di poter organizzare questo evento e dare il nostro contributo per iniziare a far tornare a vivere il territorio di Amatrice. Come associazione stiamo inoltre studiando iniziative analoghe per non far dimenticare anche tutti gli altri Borghi coinvolti dal sisma“.

Ecco gli orari del Festival:

Venerdì 2 dicembre: 19:00-24:00.

Sabato 3 dicembre: 12:00-24:00.

Domenica 4 dicembre: 12:00-22:00.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS