Migliaia di bambini intrappolati a Mosul, l’allarme delle ong: “Pagano il prezzo più alto” Save the Children: "Anche i più piccoli hanno visto uccidere o impiccare persone davanti ai loro occhi"

181
mosul

A pagare le spese maggiori dell’offensiva di Mosul sono i bambini. Molti sono rimasti gravemente feriti nei combattimenti o mostrano segni di forte sofferenza psicologica, anche una volta giunti in un luogo sicuro. Si stima che siano 600.000 i bambini rimasti intrappolati dentro la città. È questo l’allarme lanciato da Save the Children, l’Organizzazione internazionale dedicata dal 1919 a salvare in bambini in pericolo e a promuoverne i diritti.

Finora circa 60.000 gli sfollati fuggiti dalla città e dalle aree circostanti, tra cui decine di migliaia di bambini. Mentre continua l’offensiva, ci si attende che molte altre famiglie cercheranno di scappare per raggiungere i campi di sfollati. Il personale medico in prima linea e negli ospedali ha raccontato a Save the Children che ogni giorno circa una dozzina di bambini rimangono mutilati, mentre i combattimenti si spingono verso l’interno della città.

Secondo il personale di Save the Children sul campo, anche quando riescono a raggiungere i campi vicino a Mosul senza subire danni fisici, i bambini mostrano segni preoccupanti di sofferenza psicologica. I disegni realizzati questa settimana dai bambini in un centro gestito dall’Organizzazione a Qayyarah, 80 chilometri a sud della città, raffigurano carri armati, soldati armati e persone che fuggono in preda al terrore.

Inoltre, è stato ritrovato in una scuola di Mosul, nel quartiere di Arbajia, il libro di testo di Daesh. È una sorta di summa di due anni di dominio jhadista nella regione nell’Iraq settentrionale. Fra i passaggi del testo il tentativo di lavaggio del cervello dei piccoli che venivano istruiti a disobbedire anche alla famiglia pur di rispettare le richieste dell’Isis fino all’abominio di commettere atti suicidi in nome di Allah. “Ci parlavano di armi, ci insegnavano a sparare e uccidere. Nelle ore di matematica ci insegnavano a sommare pallottole e morti e ci spiegavano come uccidere”, dice un bambino a Euronews.

Il personale sul campo ha riferito di una bambina talmente traumatizzata che non parla più e sputa, di altri che manifestano improvvisi scoppi d’ira, un tipico segno di stress, e dei frequenti litigi che scoppiano tra i bambini quando giocano nel campo. Save the Children opera in loco attraverso un team di protezione minori che fornisce primo soccorso psicologico ai bambini in fuga dalle violenze e ha allestito uno spazio sicuro dove i bambini possono giocare e imparare. Nel campo di Qayyarah Jad’ah, l’Organizzazione assiste quasi 20.000 bambini con Spazi a misura di bambino e tende in cui si svolgono lezioni di alfabetizzazione e matematica.

“Molti bambini hanno vissuto per due anni sotto il controllo dell’Isis prima di essere costretti alla fuga attraverso una zona di guerra e alcuni hanno visto uccidere o impiccare persone davanti ai loro occhi. Immaginate l’effetto che questo può avere su un bambino”, afferma il Vicedirettore di Save the Children Iraq, Aram Shakaram.

Una famiglia di Mosul che vive nella parte della città controllata dall’Isis ha raccontato a Save the Children che sono stati costretti ad assembrarsi insieme ad altre 600 persone all’interno di una scuola, dove sono stati usati come scudi umani. Sono stati rilasciati dopo sei ore quando i combattenti dell’Isis hanno deciso di usare dei famigliari di ufficiali di polizia e militari dell’esercito iracheno al loro posto.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS