Torino: a 100 anni dalla nascita, il teatro Stabile omaggia Natalia Ginzburg Verranno presentati 3 testi teatrali, una giornata di studi e la rassegna di incontri 'Lessico di una scrittrice'

150

Il Teatro Stabile di Torino omaggia Natalia Ginzburg (Palermo, 14 luglio 1916 – Roma, 7 ottobre 1991) a cent’anni dalla nascita con un progetto realizzato con il Circolo dei Lettori e l’Università del capoluogo piemontese. Dal 17 novembre al 2 dicembre andranno in scena 3 studi su testi teatrali della scrittrice palermitana (figura di primo piano della letteratura italiana del Novecento) sotto la regia di Leonardo Lidi; gli interpreti sono: Giorgia Cipolla, Elio D’Alessandro, Christian La Rosa e Ilaria Matilde Vigna; le musiche originali in scena sono del gruppo rock Perturbazione.

Gli studi si intitolano rispettivamente ‘Dialogo’ (sul palco il 17 novembre), ‘La segretaria’ (il 24) e ‘Ti ho sposato per allegria’ (1 e 2 dicembre). Il primo dicembre il progetto prevede anche una giornata di studi al Teatro Gobetti e, dal 14 novembre al 4 dicembre presso il Circolo, la rassegna di incontri ‘Lessico di una scrittrice’.

La scrittura della Ginzburg – spiega il regista Lidi – è primaria, senza fronzoli, seduce e incatena con la sua semplicità, quasi da teatro classico. La sua essenzialità lascia solo uno spiraglio poetico che serve allo spettatore e al lettore per interpretare il testo in modo personale”.

Natalia nasce il 14 luglio del 1916 a Palermo figlia di Giuseppe Levi, illustre scienziato triestino di origine ebraica, e da Lidia Tanzi, milanese di religione cattolica. Il padre è professore universitario antifascista e insieme ai tre fratelli di lei sarà imprigionato e processato con l’accusa di antifascismo. Vinse nel 1963 il premio Strega con “Lessico famigliare”, opera principale della scrittrice, un memoir accolto, anche nei decenni a venire, da un forte consenso di critica e di pubblico.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS