Il Califfato minaccia New York: possibili attentati alla parata di Macy’s per il Thanksgiving Secondo quanto riferito dai media il tradizionale appuntamento sarebbe considerato un "target eccellente" dai jihadisti del sedicente Stato Islamico

136
thanksgiving

Gli Stati Uniti finiscono nuovamente nel mirino del sedicente Stato Islamico. Infatti, secondo quanto riportato da alcuni media statunitensi, la tradizionale parata organizzata da Macy’s per il Thanksgiving – la festa del Ringraziamento – sarebbe un “target eccellente” per i jihadisti del gruppo terroristico.

La nuova minaccia del Califfato è contenuta nella rivista di propaganda del gruppo Rumiyah, nella quale è presente una sezione dedicata alle “tattiche del terrore”, dove viene spiegato ai miliziani come compiere attacchi con auto. Nel magazine viene fatto riferimento all’attentato dello scorso 14 luglio a Nizza, dove un jihadista alla guida di un camion causò una strage sulla Promenade des Anglais in occasione delle celebrazioni per la presa della Bastiglia.

“Utilizzate i camion come armi per colpire gli infedeli durante la parata di New York per il Giorno del Ringraziamento, il prossimo 24 novembre. Un camion di medie dimensioni non desterà sospetti – si legge nelle pagine del magazine, secondo quanto riportato da Il Giornale -, ma infliggerà più danni di un caccia militare. Un veicolo lanciato ad alta velocità durante un evento di richiamo per i non credenti, farà una carneficina“.

La polizia di New York ha affermato di essere a conoscenza della minaccia e di aver considerato la possibilità di un tentativo di attacco come quello avvenuto durante la festa nazionale della Francia, ma ha anche affermato di aver già provveduto ad attuare misure preventive per questo tipo di attacchi.

Macy’s, dal canto suo, ha annunciato di essere in stretto contatto con la polizia della Grande Mela per mettere in sicurezza l’intero percorso della parata, che lo scorso anno ha attirato 3,5 milioni di persone,

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS