IL SANTO DEL GIORNO SANTA MARGHERITA DI SCOZIA

11665

santa-margherita-di-scozia-150x150Santa Margherita di Scozia, figlia del re inglese Edoardo. Nacque in esilio in Ungheria, intorno al 1046, con la famiglia tornò in Inghilterra quando aveva 9 anni nel 1057 ma presto dovette fuggire di nuovo in Scozia a seguito della conquista normanna del 1066. Sua madre, Agata, discendeva dal santo re magiaro Stefano, il primo re ungherese che fondò lo Stato e la Chiesa ungheresi.

A 24 anni sposò re Malcom III, da cui ebbe sei figli maschi e due femmine. Il Messale romano la descrive come “modello di madre e di regina per bontà e saggezza”. Si racconta che il re non sapesse leggere e avesse un grande rispetto per la moglie istruita. Turgot, vescovo di St. Andrews, biografo di Margherita, attesta che ella ebbe una certa influenza moralizzatrice sul marito attraverso la lettura di passi della Bibbia, inoltre riferisce che la santa cercò di riformare le pratiche delle chiese locali rendendole conformi a quella della chiesa di Roma. Il suo lavoro fu di ispirazione per Lanfranco di Canterbury, futuro Arcivescovo di Canterbury che lavorò molto perché la chiesa scozzese andasse di pari passo con quella del continente in cui era cresciuta. Grazie a questi traguardi Margherita venne considerata un ottimo esempio di come doveva essere una guida saggia anche per il marito e per i figli.
Caritatevole verso i poveri, gli orfani, i malati, li assisteva personalmente e, quando era già gravemente ammalata, ricevette la notizia dell’uccisione del marito e del figlio maggiore nella battaglia di Alnwick: disse di offrire questa sofferenza come riparazione dei propri peccati. Morì a Edimburgo il 16 novembre 1093. Margherita venne canonizzata nel 1250 per volere di Papa Innocenzo IV e i suoi resti vennero posti nell’Abbazia di Dunfermline, tuttavia dopo la Riforma scozzese di essi si perse ogni traccia.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS