Francesco ai vescovi Usa: “Uscite dal vostro ambiente sicuro. Abbattete muri e costruite ponti” Il Santo Padre ha inviato un videomessaggio alla Conferenza Episcopale statunitense sottolineando come la grande sfida della Chiesa sia quella di creare una cultura dell'incontro

105
viescovi

“La nostra grande sfida è creare una cultura dell’incontro, che incoraggi gli individui e i gruppi a condividere la ricchezza delle loro tradizioni ed esperienze, ad abbattere muri e a costruire ponti. La Chiesa in America, come altrove, è chiamata ad ‘uscire’ dal suo ambiente sicuro e ad essere un fermento di comunione. Comunione tra noi, con gli altri cristiani e con tutti coloro che cercano un futuro di speranza”. Lo dice Papa Francesco in un videomessaggio alla Conferenza Episcopale degli Stati Uniti d’America.

Ricordando il suo viaggio negli Stati Uniti Papa Francesco sottolinea di essere “rimasto impressionato dalla vitalità e dalla diversità della comunità cattolica. Durante tutta la sua storia, la Chiesa nel vostro paese ha accolto e integrato nuove ondate di immigrati. Nella ricca varietà delle loro lingue e tradizioni culturali, essi hanno forgiato il volto mutevole della Chiesa americana”.

“La comunità cristiana – ha detto ancora Papa Francesco rivolto ai vescovi americani – deve essere segno e profezia del piano di Dio per l’intera famiglia umana. Siamo chiamati ad essere portatori di buone notizie per una società attanagliata da sconcertanti cambiamenti sociali, culturali e spirituali e da una crescente polarizzazione”.

“In modo particolare, vi chiedo di considerare come le vostre Chiese locali possono rispondere al meglio alla crescente presenza, ai doni e al potenziale della comunità ispanica. Tenendo conto del contributo che la comunità ispanica dà alla vita della nazione, prego perché l’Encuentro – ha detto il Papa riferendosi al prossimo evento pastorale dei fedeli ispanici in Usa – rechi frutto per il rinnovamento della società americana e per l’apostolato della Chiesa negli Stati Uniti”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS