Isis, l’Onu denuncia: armi chimiche e torture 40 civili sono stati uccisi a Mosul e poi appesi ai lampioni

108
raqqa

L’Isis userebbe armi chimiche.”Dettagli emersi” sull’impiego di tali armi sono stati evocati oggi dalle Nazioni Unite. Lo ha riferito la portavoce dell’Ufficio dell’Alto Commissario Onu per i diritti umani, Ravina Shamdasani. L’Onu ha anche notizie di stoccaggio a Mosul di “grandi quantità” di ammoniaca e zolfo,in aree dove sono presenti civili. Inoltre ha denunciato l’affiorare di nuove prove di fosse comuni, di torture, uccisioni, sfruttamento di donne e bambine, reclutamento di bambini e altre violenze da parte dell’Isis, in Iraq.

Mosul, 40 uccisi e appesi lampioni

Sempre l’Onu, ha fatto sapere che almeno 40 civili sono stati uccisi a Mosul e poi appesi ai lampioni dai jihadisti dell’Isis dopo essere stati accusati di tradimento. Le uccisioni sono avvenute martedì: i cadaveri, con indosso tute arancioni e la scritta in rosso, ‘traditori e agenti dell’Isf’ (Forze di sicurezza irachene) sono stati appesi in diversi distretti di Mosul dove l’esercito di Baghdad continua l’offensiva per strappare la città dalle mani dell’Isis.

Le uccisioni, riferisce la commissione per i diritti umani dell’Onu che cita fonti locali, sono state effettuate su ordine di tribunali auto-nominati. Un’altra persona, invece, sarebbe stato ucciso nel quartiere di Bab al-Jideed perché sorpreso a usare un telefonino, in violazione del divieto imposto dagli integralisti.

Fuga di informazione

Sempre secondo il rapporto delle Nazioni Unite, 20 persone sono state uccise a colpi di pistola mercoledì scorso nella base militare di Ghabat, a nord di Mosul, perché accusati di fuga di informazioni. L’Onu ha espresso preoccupazioni per l’utilizzo di ragazzini da parte dell’Isis dopo la diffusione di un video in cui si vedono bambini uccidere 4 persone per spionaggio.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY