Liste di solidarietà: a Natale, a tavola con i prodotti della Valnerina Pubblicate in liste solidali i nomi delle aziende dalle quali acquistare le eccellenze locali. Grande l'attivazione dei siti internet

123
cesti solidarietà

Un patrimonio eno-gastronomico straordinario, la solidarietà di una nazione e una granitica forza di volontà: ecco la ricetta adottata dalla popolazione dei Monti Sibillini per tentare di ripartire dopo l’incubo del terremoto, ancora tutt’altro che finito. La lavorazione dei prodotti locali, vanto della regione dell’Italia centrale e vera e propria eccellenza nel campo della gastronomia, sarà il motore della ricostruzione e, in qualche modo, lo strumento per conservare quell’identità culturale che la forza del sisma ha rischiato di distruggere.

Con l’avvento, ormai prossimo, delle festività natalizie, l’appello dei centri colpiti è il seguente: perché non porre sotto il proprio albero un tipico cesto di pietanze, imbandito però con i migliori prodotti agroalimentari dell’entroterra appenninico?

A sostegno di questo appello, si sono mossi tanti siti internet che hanno attivato liste di solidarietà a sostegno degli imprenditori locali, in particolare ValnerinaOnline.it, che da anni tenta di fornire visibilità alle aziende agricole, alle tipiche norcinerie, ai contadini e ai piccoli commercianti, i quali, ora più che mai, stanno vivendo un periodo di estrema difficoltà economica. Molte aziende risparmiate dal sisma hanno deciso di proseguire la propria attività con determinazione. 

Come spiegato dagli stessi responsabili, il portale si è trasformato in uno strumento al servizio del territorio, nel quale raccogliere le inserzioni di chiunque volesse proporre i propri prodotti, complete di recapiti telefonici e indirizzi web. Anche il Comune di Norcia ha avviato una lista di solidarietà nella quale sono stati raccolti gli accrediti delle aziende aderenti all’iniziativa, in previsione della pubblicazione di un elenco sul sito istituzionale.

Un’iniziativa di solidarietà che, proprio a Natale, potrebbe rivelarsi un importante incentivo alla ripresa delle zone terremotate. Una sorta di dono natalizio da riservare a chi, ogni anno, garantisce alla gastronomia italiana quei livelli di eccellenza che contraddistinguono in tutto il mondo il nostro Paese.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS