Diocesi di Genova: al via la raccolta indumenti usati per i senza dimora Nella giornata di sabato 12 novembre i punti raccolta in 14 parrocchie genovesi

188

Sabato 12 novembre nella diocesi di Genova la Caritas organizzerà una raccolta straordinaria a favore delle persone senza fissa dimora finalizzata a far fronte all’emergenza freddo di questo fine autunno. Per l’occasione saranno allestiti diversi punti di raccolta grazie all’impegno ed al coinvolgimento di decine di volontari. “Si tratta della seconda raccolta straordinaria, dopo quella di un anno fa in quel caso finalizzata alle persone profughe” spiegano gli organizzatori della Caritas diocesana.

In quell’occasione “i genovesi risposero con grande slancio: furono raccolti oltre 22 tonnellate di abiti usati, con l’ausilio di 150 volontari in 7 punti di raccolta. Quest’anno i punti di raccolta coinvolti sono saliti a 14, per lo più parrocchie, in cui si renderanno disponibili decine di volontari per accogliere quanto i genovesi vorranno donare. La raccolta sarà coordinata dalla Cooperativa Sociale Emmaus Genova”.

Gli organizzatori informano inoltre che, se il ricavato della raccolta dovesse superare le reali necessità dei senza dimora, una parte degli indumenti raccolti verrà destinata a beneficio delle persone bisognose che si rivolgeranno ai centri di distribuzione.

Inoltre, per tutto il periodo invernale, Caritas diocesana e Fondazione Auxilium sostengono l’apertura straordinaria di un dormitorio di emergenza con 28 posti letto, cena, colazione e doccia per i senza fissa dimora. Lo scorso anno circa 100 volontari hanno accolto 210 persone, per quasi 3.250 accessi; sono state preparate 2.730 cene e colazioni e offerte 5.600 lenzuola e 3.800 federe monouso, cambi di abito e biancheria intima. Anche per quest’anno si prevede una grande affluenza di persone bisognose.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS