Mosul, la denuncia di Amnesty: “Sospetti jihadisti torturati e uccisi dai militari” I cadaveri di almeno 6 uomini sarebbero stati rinvenuti a ottobre nei distretti di Shura e Qayyara

171
mosul

Mentre prosegue l’offensiva per la riconquista di Mosul da Amensty International arriva la denuncia di presunte uccisioni e torture da parte delle forze irachene impegnate nelle operazioni militari. Secondo l’associazione umanitaria i cadaveri di “almeno sei” persone sospettate di legami con i jihadisti sarebbero stati trovati a ottobre nei distretti di Shura e Qayyara. “Uomini con le divise della polizia federale – ha detto Lynn Maalouf, della sede di Amnesty a Beirut – hanno eseguito diverse uccisioni illegali, catturando e poi uccidendo deliberatamente a sangue freddo residenti di villaggi a sud di Mosul”.

L’ong riferisce inoltre di diversi episodi avvenuti intorno al 21 ottobre e spiega che diversi gruppi di uomini sono stati picchiati con cavi e con il calcio dei fucili prima di essere uccisi. In un caso, la vittima è stata decapitata. Per Amnesty, gli abusi potrebbero ripetersi in altre città e villaggi interessati dalla campagna di Mosul.

Accuse analoghe sono arrivate dall’ong Human Rights Watch (Hrw), secondo la quale almeno 37 uomini sospettati di legami con l’Isis sono stati catturati dalle forze irachene e curde presso checkpoint, villaggi, campi per sfollati e altri luoghi intorno a Mosul. I parenti delle persone catturate hanno denunciato di non conoscere il luogo in cui sono state portate e di non aver avuto la possibilità di contattarle. Per Hrw questi episodi “aumentano significativamente il rischio di altre violazioni”, tra cui la tortura.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS