Hillary non fa polemiche: “Rispettiamo e proteggiamo il nuovo presidente” La candidata democratica, sconfitta dal tycoon newyorkese, ha affermato che al momento "non possiamo rompere quel tetto di cristallo, ma succederà"

112
Hillary

Dopo oltre due ore di attesa dall’appuntamento previsto per il suo primo discorso dopo la vittoria di Donald Trump, un’emozionata Hillary Clinton è salita sul palco allestito nel New Yorker Hotel di Manhattan dove ha ringraziato il suo pubblico e il suo staff. “Questo non è l’esito che volevamo – ha ammesso l’ex first lady -. È stata una campagna creativa, caotica, energica. Voi rappresentate il meglio dell’America ed essere stato il vostro candidato è stato un onore. Mi sento delusa come voi, è doloroso e lo sarà per molto tempo. La nostra campagna ha riguardato la costruzione di un Paese migliore, dobbiamo accettare questo risultato e dobbiamo dare la possibilità a Trump di governare. Guardiamo al futuro. La democrazia prevede un passaggio di potere pacifico, il rispetto dell’uguaglianza di tutti e richiede il nostro coinvolgimento, non solo una volta ogni quattro anni”.

Dopo aver ringraziato la famiglia Obama, sia per il lavoro svolto negli ultimi otto anni sia per il sostegno durante la campagna elettorale, ha lanciato un appello a tutti i giovani presenti, spronandoli a non fermarsi perchè “abbiamo bisogno che continuate a lottare”. “Non possiamo rompere quel tetto di cristallo ma un giorno succederà – e poi rivolgendosi alle bambine -. Realizzate il vostro potenziale e i vostri sogni”.

“Donald Trump sarà il nostro presidente. Rispettiamo e proteggiamo Trump. Rispettiamo i nostri valori e difendiamoli – ha detto ancora la Clinton -. La democrazia richiede la nostra partecipazione. Facciamo avanzare i nostri valori, l’economia, il pianeta, abbattiamo le barriere per gli americani: il sogno americano è per tutti: donne, comunità Lgbt, migranti, cittadini di religioni diverse; per chiunque.”

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS