IL SANTO DEL GIORNO SAN LEONARDO

8700

san-leonardo-limoges-150x150San Leonardo nacque in Gallia al tempo dell’imperatore Anastasio (491-518 d.C.) da nobili franchi, amici del re Clodoveo che volle fargli da padrino al battesimo. In gioventù rifiutò di arruolarsi nell’esercito e si mise al seguito di S. Remigio, arcivescovo di Reims. Avendo questi ottenuto dal re di poter chiedere la liberazione dei prigionieri che avesse incontrato, anche Leonardo, acceso di carità, chiese e ottenne lo stesso favore e liberò, di fatto, un gran numero di questi infelici.

Rifiutata la dignità vescovile offertagli da Clodoveo,  si ritirò, come eremita, prima a Micy, poi si diresse a Limoges. La fama della sua santità arrivò fino al re che ne richiese l’intervento quando la regina, transitando in quella zona, venne sorpresa dalle doglie del parto. L’intervento di Leonardo lenì i dolori della regina che poté dare alla luce il suo bambino. Il re Clodoveo per riconoscenza gli concesse la parte di bosco che sarebbe riuscito a tracciare in un giorno a dorso d’asino.
Qui il santo eremita edificò un oratorio in onore della Madonna, dedicando anche un altare al suo maestro, S. Remigio, da tempo defunto. Secondo la leggenda devozionale, fece, quindi, un buco in terra che si riempì miracolosamente d’acqua dando origine ad un pozzo che venne nominato nobiliacum, in ricordo della donazione regale.
La tradizione vuole che il santo sia morto il 6 novembre, mentre una datazione precisa dell’anno non c’è, ma non dovrebbe discostarsi molto dalla metà del secolo VI.
S. Leonardo è spesso rappresentato con delle catene, per la sua particolare protezione degli imprigionati o dei carcerati ingiustamente. La sua intercessione viene spesso invocata per i parti difficili, i mal di testa, le malattie dei bambini.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS