Dopo Calais ora tocca a Stalingrad: la Francia sgombera un’altra tendopoli a Parigi Dalla zona nord est della capitale francese sono stati evacuati già 2.000 migranti

147
stalingrad

Dopo la Giungla di Calais ora tocca alla tendopoli di Stalingrad, nel nord est di Parigi. La polizia francese ha infatti iniziato lo sgombero di un altro campo abusivo e i rifugiati e richiedenti asilo – finora ne sono stati evacuati circa 2.000 – sono in corso di trasferimento nei centri di accoglienza situati nell’Ile-de-France.

Il sindaco di Parigi, Anne Hildalgo, ha riferito che la zona evacuata – tra Stalingrad, Jaurès, e l’avenue de Flandre – verrà presidiata per impedire la formazione di nuovi accampamenti. Secondo le autorità transalpine i rifugiati e richiedenti asilo presenti nella tendopoli parigina erano tra i 3.000 e i 3.500.

Lo sgombero della tendopoli è iniziata nelle prime ore della mattinata di oggi. Per l’operazione sono scesi in campo circa 600 poliziotti. Il primo pullman è arrivato alle 6.10, in totale ne sono a disposizione 80. Ottanta sono pure i centri provvisori sparsi nella regione parigina dove i migranti – tra cui tanti somali, sudanesi, afghani ed eritrei – verranno trasferiti.

E’ la fine di una tendopoli “indegna, la più grande che abbiamo mai conosciuto”: lo ha detto il sindaco di Parigi, Anne Hildalgo, dopo l’inizio dello sgombero del campo dei migranti nel nord della capitale. L’evacuazione dei circa 3.000-3.500 rifugiati e richiedenti asilo accampati in condizioni disperate tra Jaurès, Stalingrad, e l’avenue de Flandre dovrebbe durare due giorni. L’evacuazione era stata promessa dallo stesso presidente François Hollande.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS