Iraq: iniziato l’assalto delle forze speciali ai quartieri urbani di Mosul L'avanzata è iniziata con attacchi di artiglieria e di mortaio. L'Unicef: oltre 20 mila sfollati

139
mosul

Le forze speciali irachene hanno iniziato l’assalto ai quartieri più urbani di Mosul, partendo dalla parte est. Il tenente colonnello Muhanad al-Timimi afferma che l’avanzata è iniziata con attacchi di artiglieria e di mortaio sui distretti di Aden, Tahrir e Quds. L’Isis sta combattendo per mantenere la seconda città dell’Iraq, mentre l’esercito iracheno e le truppe alleate curde avanzano sulla metropoli con il supporto della coalizione a guida Usa.

Da quando le operazioni hanno avuto inizio il 17 ottobre, 20.700 persone risultano sfollate e di queste 9.700 sono bambini che hanno urgente bisogno di assistenza, secondo quanto dichiara l‘Unicef, che accoglie queste persone nei suoi centri.

“Ho incontrato madri e figli che erano molto sollevati per esserne usciti vivi; è chiaro che hanno vissuto in condizioni terribili per molto tempo,” ha dichiarato, citata da un comunicato, Pernille Ironside, responsabile dell’Unicef per le operazioni di soccorso in Iraq in seguito ad una missione presso un centro di controllo a Nargizlia. Molte delle persone arrivate recentemente erano piene di polvere, esauste e incerte sul loro futuro. Molte erano a piedi nudi. L’Unicef – si legge nella nota – verifica le condizioni dei bambini e controlla se ne manca qualcuno. Al loro arrivo le famiglie ricevono acqua pulita da bere e cibo.

I bambini tra 6 mesi e 15 anni vengono subito vaccinati contro polio e morbillo. Unicef assicura che l’acqua, le docce e i servizi igienico sanitari siano puliti e disponibili. I bambini ricevono controlli medici per la malnutrizione e nel caso vengono curati. Fornisce ai bambini assistenza psicologica e sta anche preparando spazi temporanei per il gioco e l’apprendimento. L’organizzazione Onu – si legge – sta adattando la sua risposta per raggiungere tutta la popolazione che ha urgente bisogno d’aiuto, anche chi ha scelto di restare nel villaggio riconquistato. Nel mese di ottobre – prosegue la nota -, l’Unicef ha distribuito bottiglie di acqua e servizi igienico sanitari per oltre 1.500 famiglie e vaccinato i bambini contro la polio in 2 comunità riconquistate.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS