IL SANTO DEL GIORNO SAN MARTINO DI PORRES

10517

Martin-de-porres-184x300San Martino di Porres nasce a Lima (Perù) nel 1579, il padre era un nobile spagnolo mentre la madre una ex schiava di origine africana. Il padre non ebbe mai gran cura del figlio; la madre invece cercò di impartigli un minimo di istruzione. Nominato governatore del Panama, il padre lascia Martino alla madre così lui, per guadagnarsi un po’ di soldi, iniziò a lavorare come garzone presso un barbiere. Successivamente apprese qualche nozione di chirurgia, che in seguito lo rese un valido e prezioso infermiere.

Desideroso di donare la vita a Dio ed ai poveri, chiese di entrare tra i frati domenicani. Come mulatto viene accolto solo come terziario e gli vengono assegnati compiti umili. Quando però i domenicani avvertirono la sua energia interiore lo tolgono dalla condizione subalterna, accogliendolo nell’Ordine come fratello cooperatore. Molti potenti del tempo come il viceré del Perù e l’arcivescovo di Lima andavano da lui a chiedere consiglio e lo trovavano sempre circondato da poveri e da malati. Quando a Lima arriva la peste, cura da solo i 60 confratelli.Fondò un collegio per istruire i bambini poveri, il primo in tutta l’America.

Nonostante le tante difficoltà è ricordato per i molteplici doni di grazia e di santità, dalla bilocazione, alla profezia, alla carità cristiana e alle scienze infuse.
Fu devotissimo dell’Eucaristia. Lascìò questa terra il 3 novembre 1639.
Canonizzato da Giovanni XXIII il 6 maggio 1962, dopo un iter iniziato nel 1660 e poi interrotto. È il patrono dei barbieri e dei parrucchieri e, in Perù, della giustizia sociale. La commemorazione liturgica ricorre il 3 novembre.

CURIOSITA’: Martino de Porres è considerato il primo santo di colore della chiesa cattolica.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS