Migranti, il Papa: “Accogliere senza paure ma con prudenza” Il Pontefice nel volo di ritorno dalla Svezia: "L'Europa è nata grazie all'integrazione di culture diverse"

278
papa-svezia

“Non dobbiamo spaventarci per i migranti perché l’Europa è stata fatta da una continua integrazione di culture. Se la Svezia ha perso la sua capacità di accoglienza non è per egoismo, e serve prudenza” nella accoglienza, per poter dare casa, lavoro, cultura a tutti”. Papa Francesco ha risposto così alla domanda di un giornalista svedese sul volo che lo ha riportato in Italia.

Accoglienza

Il Pontefice ha ricordato che “non si può chiudere il cuore a un rifugiato“, se si chiude, “alla lunga si paga, si paga politicamente. Il più cattivo consigliere per i paesi che tendono a chiudere le frontiere è la paura, e il miglior consigliere è la prudenza”. Bergoglio ha spiegato il suo pensiero anche in relazione alla Svezia, Paese che con Austria, Norvegia e Danimarca aveva da mesi sospeso la libera circolazione.

L’Europa

Il Papa ha fatto della questione dei migranti una delle sue priorità, già dal primo viaggio a Lampedusa nel 2013, e ha riservato per sé la “delega” per i migranti del nuovo dicastero che ha costituito, per la giustizia e lo sviluppo umano integrale. In queste settimane in cui l’Unione europea stenta a trovare una linea comune e le difficoltà dei vari Paesi si coniugano con paure vecchie e nuove, producono divisioni e allontanano le soluzioni, il Papa si è messo nei panni degli svedesi, per capire quali sono le loro difficoltà ad accogliere, per cui da Paese molto aperto – che dalla rivoluzione industriale fino ai giorni nostri accoglie e integra molti immigrati, tra cui quasi tutti i cattolici che ci vivono – si trovi ad aver bloccato le frontiere. “Prima di tutto io come argentino e sudamericano – ha esordito – ringrazio tanto la Svezia per questa accoglienza, perché tanti argentini, cileni, uruguaiani, al tempo delle dittature militari sono stati accolti nella Svezia che ha una lunga tradizione di accoglienza, ma – ha aggiunto – non può soltanto ricevere ma integrare, cercare subito casa, scuola, lavoro, integrare in un popolo”.

No alla paura

Ha ricordato che su circa nove milioni di svedesi, “850mila sarebbero nuovi svedesi, cioè migranti o rifugiati o loro figli”. Ricordata la distinzione tra migrante e profugo che vive una situazione “terribile, angosciante” e ha bisogno di “più cura”, Papa Bergoglio ha sottolineato che “anche in questo la Svezia ha sempre dato un esempio nel sistemare, nel fare imparare la lingua, anche integrare nella cultura”. “Della integrazione delle culture – ha rimarcato – non dobbiamo spaventarci perché l’Europa è stata fatta con una continua integrazione di culture. Questo – ha proseguito – non lo dico in modo offensivo, no, no, no, lo dico come una curiosità: il fatto che la lingua islandese di oggi possa leggere i loro classici di mille anni senza difficoltà significa che un Paese chiuso” non si rinnova.

Aprire le porte

“L’Europa – ha ricordato- si è fatta di migrazioni“, “credo che in teoria non si può chiudere il cuore a un rifugiato, ma anche la prudenza dei governanti: devono essere molto aperti a ricevere ma anche fare il calcolo di come poter sistemarli, perché non solo a un rifugiato lo si deve ricevere, ma lo si deve integrare e se un paese ha una capacità carente, diciamo così di integrazione, faccia fino a questo, altro di più, altro di più, ma sempre il cuore aperto: non è umano chiudere le porte, non è umano chiudere il cuore, e alla lunga questo si paga, si paga politicamente come anche si può pagare politicamente una imprudenza nei calcoli, ricevere più di quelli che si possono integrare”. Quale un migrante o rifugiato non è integrato, c’è il pericolo che “si ghettizza, entra nel ghetto, è una cultura che non si sviluppa in rapporto con l’altra cultura…”. “Non credo che se la Svezia diminuisce la sua capacità accoglienza lo faccia per egoismo”, e “tanti guardano alla Svezia perché ne conoscono l’accoglienza”.

Dialogo con Maduro

Francesco ha poi parlato dei rapporti con il presidente venezuelano Maduro, ricevuto in udienza, nonostante il pochissimo preavviso. “Ha chiesto un appuntamento perché veniva dal Medio oriente, e faceva scalo tecnico a Roma – ha spiegato – era venuto nel luglio 2013, poi aveva chiesto un altro appuntamento ma si è ammalato e non è potuto venire, e ha chiesto, quando un presidente chiede, lo si riceve, in più era a Roma. Ho ascoltato mezz’ora, gli ho fatto qualche domanda e ho sentito il suo parere, è sempre bene sentire tutti”. Bergoglio ha poi ribadito che il dialogo è l’unica strada “per tutti i conflitti, non c’è altra via, con il cuore io ce la metto tutta sul dialogo, credo che si deve andare su quella strada, non so come finirà perché è molto complesso, ma la gente che è nel dialogo è di statura politica importante, Zapatero che è stato due volte premier in Spagna, Restrepo, hanno chiesto alla Santa Sede di essere sempre nel dialogo da ambedue le parti e la Santa Sede ha designato il nunzio in Argentina. Credo è lì nel negoziato, unica strada per uscire dai conflitti non ce ne è un’altra. Quante vittime si sarebbero risparmiate in Medio oriente con il dialogo?”.

Lotta alla tratta

Infine il Papa ha ribadito l’invito a combattere contro la tratta di esseri umani. A Buenos Aires, ha raccontato, “ho lavorato con le suore che aiutavano le donne schiave, a me non piace chiamarle prostitute. Donne schiave. Una volta l’anno facevo una messa in una piazza a Baires . Qui in Italia ci sono tanti gruppi di volontariato che lavorano contro la tratta. E’ una cosa bella che ha l’italia. E questo è dovuto ai parroci”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY