“Creativi dentro”, il negozio che vende prodotti realizzati dai detenuti

441
creativi

E’ stato inaugurato a Torino il primo negozio che nei suoi scaffali esporrà i prodotti realizzati di tredici aziende create nelle carceri italiane. Grazie anche alla collaborazione del Comune di Torino, che ha concesso in comodato d’uso i locali all’interno di un edificio centralissimo, il progetto “FreedHome – Creativi dentro” ha potuto muovere i suoi primi passi.

Come riferito dal sito online del Redattore Sociale, i locali sono stati ristrutturati dagli stessi detenuti e dalle guardie penitenziarie, che hanno collaborato organizzandosi in turni e facilitando gli spostamenti dal carcere di “Lorusso e Cutugno” e le vetrine del civico 2 di via Milano.

Il negozio distribuisce tredici marchi, prodotti nei laboratori che associazioni e cooperative hanno aperto nelle carceri italiane. Si potranno trovare quindi, accessori, oggetti di design e prodotti enogastronomici provenienti da diverse regioni d’Italia, tra cui quelli della “Banda biscotti”, un’azienda dolciaria nata nella casa circondariale di Verbania e la sua omologa di Busto Arsizio, “Dolci Libertà”; ci sono i laboratori di “Pausa Caffè”, che al “Lorusso e Cutugno” di Torino si occupano di torrefazione di caffè e lavorazione del cacao, mentre a Saluzzo hanno impiantato un birrificio artigianale e ad Alessandria un panificio.

La Garante comunale per i diritti dei detenuti, Monica Cristina Gallo, ha dichiarato a Redattore Sociale che lo scopo di questa iniziativa è quello di far diventare questo negozio un “luogo di accoglienza per i detenuti che vogliono lavorare all’esterno del carcere”.

Foto da www.redattoresociale.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS